Libri

“Città di morti”

download.jpgdi Gabriele Ottaviani

Ok, mammina, hai vinto.

Non ha senso la vergogna. Non ha senso il pudore. Non ha senso la pruderie. È solo una perdita di tempo. Bisogna osservare. Capire. Spiegare. Affinché la giustizia trionfi con l’azione. Un vecchio adagio, riportato nella splendida edizione, in italiano per Minimum fax, di questo volume in esergo, assimilabile al celebre chi sa fa, chi non sa insegna, chi non sa insegnare nulla insegna ginnastica (bei tempi, quando ancora si potevano fare battute senza il politicamente corretto che ha accentuato le discriminazioni anziché proporre una vera rivoluzione culturale che le abolisse), sostiene che lo psichiatra sappia tutto – che poi anche lì sarebbe da discuterne, ma vabbè… – e non faccia nulla – questo è certo… -, il chirurgo non sappia e nulla e faccia tutto – in fondo taglia solo… -, il dermatologo non sappia nulla e non faccia nulla – lo dicono anche a Grey’s anatomy che sono medici finti: per qualunque cosa basta un po’ di densa, candida e soavemente profumata pomata al betametasone, la panacea per ogni male – e il medico legale sappia tutto ma un giorno troppo tardi perché il paziente gli arriva già morto. E del resto è vero: gli pneumologi fumano più di tutti, i gastroenterologi sono per lo più diversamente magri e così via. Konig è un anatomopatologo. È duro. Freddo. Irascibile. Temuto. Bravissimo. A New York lo rispettano tutti. Tutto inizia un venerdì. È il dodici di aprile. Sta cercando di capire chi siano le vittime che qualcuno ha fatto a pezzi, quando viene a sapere che sua figlia è stata rapita. E… Straordinario sotto ogni aspetto: Città di morti, Herbert Lieberman. Traduzione di Raffaella Vitangeli.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...