Libri

“Eretici!”

51YPQG2xRYL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Eretici! – I meravigliosi (e pericolosi) inizi della filosofia moderna, Steven Nadler, Ben Nadler, Carocci, traduzione di Anna Maria Paci. Così, solamente Dio, ovvero l’Essere necessario, ha questo privilegio: Posto che il suo Essere sia possibile, Egli non può non esistere. Ora, già questo è sufficiente per conoscere a priori l’Esistenza di Dio; nulla può infatti impedire la possibilità di ciò che non comporta nessuna limitazione, nessuna negazione e, di conseguenza, nessuna contraddizione. Abbiamo quindi dimostrato a priori l’Esistenza di Dio mediante la realtà delle verità eterne. Ma l’abbiamo già dimostrata anche a posteriori muovendo dall’esistenza degli esseri contingenti, i quali possono infatti avere la loro ragione ultima o sufficiente nell’Essere necessario, cioè in quell’Essere che ha in sé stesso la ragione della sua Esistenza. Così Leibniz in uno dei brani più famosi della sua speculazione. Insieme a lui il volume ricorda Galileo, Cartesio, Hobbes, Spinoza, Anne Conway, More, Malebranche, Arnauld, Bacon, Boyle, Bruno, Gassendi, Elisabetta di Boemia, Pascal, Voltaire e tanti altri. La modernità è nata con loro, nel diciassettesimo secolo o giù di lì. E questo volume lo racconta. In maniera molto più che accattivante. Perché Steven è un professore universitario di filosofia in Wisconsin, ma Ben Nadler è un illustratore. E dunque è a fumetti. Dotti. Bellissimi. Esilaranti. Un’occasione da prendere al volo.

Annunci
Standard
Libri

“Mister Napoleone”

5110tru8oSL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

21 marzo 1816

L’assedio dei venti, che non cessa mai, oggi è stato furibondo.

Mister Napoleone, Luigi Garlando, Il battello a vapore – Piemme. Sant’Elena è il nulla in mezzo al niente. Uno scoglio. Un sasso. Un pezzo di carbone. Il luogo ideale per esiliare qualcuno. E se quel qualcuno è l’uomo che ha messo a ferro e fuoco l’Europa, il più odiato da tutti i fanatici dell’antico regime precedente alla presa della Bastiglia e a tutti gli annessi e connessi, il corso più celebre della storia, Napoleone Bonaparte, che con spregio nell’incipit di uno dei più grandi romanzi della letteratura russa viene chiamato Buonaparte, per italianizzarlo e dunque delegittimarlo, non esiste posto migliore. Vi morirà, è noto. Ei fu. Siccome immobile. Ma allo stato attuale vi è appena giunto. E con lui c’è un quindicenne, Emanuele, desideroso di guerra e di rivalsa. Però… Garlando, prestigiosa firma della Gazzetta dello sport, romanziere di successo da anni, premio Strega ragazze e ragazzi 2017 con L’estate che conobbi il Che, firma un nuovo sensazionale ritratto, punteggiato da immagini di rara bellezza, di storia ed emozioni. Da non perdere.

Standard
Libri

“D’amore e di esistenze”

damore-e-di-esistenza.jpgdi Gabriele Ottaviani

Lascia che io rinasca in sogno

Come un pulviscolo che da terra si innalza…

D’amore e di esistenze, Luca LuBa Barcaccia, Bertoni editore. Le due sezioni del volume, D’Amore e Di Esistenze, racchiudono le cinquantotto poesie che segnano l’esordio lirico di Luca – LuBa – Barcaccia, dedicate ai suoi genitori e curate, nell’ambito del progetto Women @ work, da Barbara Bracci, che ne sottolinea anche la complessità e la stratificazione. Infatti, benché siano caratterizzate, ed è un indubbio pregio, da un lessico semplice, piano, chiaro, facile, immediatamente comprensibile e alla portata di tutti, assommano al proprio intero una miriade di sfumature, che dal quotidiano riescono a innalzare il linguaggio poetico sino a raggiungere il trascendente. Emozionanti.

Standard
Libri

“Il bacio del pesce”

il-bacio-del-pescedi Gabriele Ottaviani

Ode al pene

prolungamento

del corpo maschile

singulto di esultanza

verso fuori

per penetrare

conoscere

assaggiare

 

raggio di sole

si espande

fluisce

nella gioia

dell’incontro.

Il bacio del pesce, Mari Mantovani, Bertoni editore. Novantanove componimenti, elencati in rigoroso ordine alfabetico, accompagnati, ognuno, da un disegno che ne è felice sintesi ed esaltazione, che al tratto coniuga la dimensione onirica e surreale di un mondo altro che sboccia improvviso, impudico, sensuale e sensazionale dalla contemplazione del quotidiano che si rivela per impressioni, frammenti, scaglie luminose, brecce d’infinito che penetrano il mistero ineffabile dell’emozione, che prende il sopravvento sulla razionalità e spalanca le porte di un nuovo percorso di consapevolezza. Intenso.

Standard
Cinema

“Star Wars: Gli ultimi Jedi”

jedi-1di Omar Osman

Star Wars: Gli ultimi Jedi è il secondo episodio della trilogia sequel in uscita nelle sale italiane il 13 Dicembre 2017. Un film scritto e diretto da Rian Johnson che riprende da dove Star Wars: Il Risveglio della Forza ci aveva lasciati: la giovane Rey (Daisy Ridley), dopo essere riuscita a trovare il maestro jedi Luke Skywalker (Mark Hamill), prova a persuaderlo ad aiutarla a contrastare il precedente allievo Ben Solo (Adam Driver), passato al Lato Oscuro sotto la guida del crudele Lord Snoke. La Resistenza, guidata dal Generale Leia Organa (Carrie Fisher), tenta di contrastare gli attacchi del Primo Ordine del Generale Hux (Domhnall Gleeson) e delle truppe imperiali.

L’ottavo episodio della saga di Star Wars non delude le aspettative e prepara il terreno giocando con i capisaldi del franchise di George Lucas tra nuovi personaggi e svolte inaspettate. La narrazione, che ha un ritmo denso e omogeneo, è accompagnata dalla colonna sonora di John Williams che rievoca i memorabili brani dei capitoli precedenti e le nuove epiche melodie. Parallelamente le diverse sottotrame, gestite in maniera impeccabile, volgono ad una grande chiarezza della storyline grazie ad un montaggio serrato e a una presentazione degli eventi ineccepibile. Non mancano poi l’umorismo e i colpi di scena in quello che risulta essere un capitolo entusiasmante e ben riuscito.

Standard
Libri

“Lo sguardo liberato”

41JE1G6HAiL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

È in particolare il capitolo secondo, quello dedicato al punto di vista di lei, a trovare la giusta armonia fra dolore e ricerca di sé.

(Erminio Fischetti)

Lo sguardo liberato – Donne nel cinema del terzo millennio, Carlo Guerrini, Aguaplano. Alcune catene sono state spezzate, finalmente. Il soffitto di cristallo che tante intelligenze ha costretto all’ingiusta subordinazione, e che, cosa ancor peggiore, è stato ed è l’alibi per chi non ha doti di reale pregio, comincia ad avere delle crepe. Le reali pari opportunità sono leggermente meno lontane, e al di là degli stereotipi anche il cinema sta sottolineando nuove istanze, sta ampliando l’orizzonte dei suoi punti di vista. 4 mesi 3 settimane 2 giorni, 17 ragazze, Acque silenziose, Acrid, Alla ricerca di Vivian Maier, L’amore non basta mai, Amour, Angel, Angela, Angèle e Tony, Angeli d’acciaio, Annie Parker, Away from her, Becoming Jane, La bicicletta verde, Bright star, Il canto di Paloma, Caramel, Carol, La casa della gioia, Il cerchio, Clean, Closer, Come il vento, Come l’ombra, Confidenze troppo intime, Corpo celeste, Le cose che so di lei, Dancer in the dark, Da quando Otar è partito, Diamante nero, Il diario di Bridget Jones, Diario di uno scandalo, Il diavolo veste Prada, Dieci, Difret, Dolls, Domenica, La donna che canta, Le donne del 6° piano, Dove eravamo rimasti, La duchessa di Langeais, Due giorni, una notte, È arrivata mia figlia!, Effie Gray, Il favoloso mondo di Amélie, Femen, Fish Tank, Frances Ha, Freeheld, Frida, Frozen River, Fur, Un gelido inverno, Gemma Bovery, Il giardino di limoni, Un giorno devi andare, Gloria, La guerra è dichiarata, Hannah Arendt, The help, Home, The hours, Hungry hearts, Ida, In grazia di Dio, In the cut, In the mood of love, The invisible woman, Io sono Li, Irina Palm, Iris, The iron lady, Kill Bill, Ladies in lavender, The lady, Latin lover, Lei, Lola, Lontano dal paradiso, Lost in translation, Louise-Michel, Lourdes, Madri, Magdalene, Mamma mia!, Marie Antoinette, Marie-Jo e i suoi due amori, La maschera di scimmia, La masseria delle allodole, Il matrimonio di Lorna, Il matrimonio di Tuya, Memorie di una geisha, Le meraviglie, Mia madre, La mia vita senza me, Million dollar baby, Mi piace lavorare, Miss Violence, La moglie dell’avvocato, Monster, Moolaadé, The mother, Mustang, Nathalie…, Nella terra del sangue e del miele, Nelle tue mani, Non ti muovere, Nora, North country, Offside, Oltre le colline, Osama, Pane e tulipani, Per amor vostro, Per non dimenticarti, Persepolis, Personal velocity, Philomena, Il piacere e l’amore, La pianista, La poesia spezzata, Poetry, Precious, Prendimi l’anima, Il primo incarico, Quattro minuti, Rachel sta per sposarsi, Rachida, La ragazza del dipinto, I ragazzi stanno bene, Red road, Registe, Respiro, Il resto di niente, Le ricamatrici, La rosa bianca, Rosa e Cornelia, Rosenstrasse, sSarà il mio tipo?, Schegge di April, La scomparsa di Eleanor Rigby – Lei, La sconosciuta, Il segreto di Esma, Il segreto di Vera Drake, Una separazione, Séraphine, Sils Maria, A simple life, Soffio, Un soffio di vita, Lo spazio bianco, La spettatrice, La sposa promessa, La sposa siriana, La sposa turca, Stella, Le stelle inquiete, Still Alice, Suite francese, Sylvia, Terra promessa, Ti do i miei occhi, Time, Tomboy, Tra cinque minuti in scena, Triangle, Tutta la vita davanti, Un’ora sola ti vorrei, Venere nera, Vergine giurata, Il vestito da sposa, Via Castellana Bandiera, Viaggio a Kandahar, Il viaggio di Jeanne, Viaggio sola, La vie en rose, Violeta Parra, Violette, La vita a volte è sopportabile, La vita di Adele, Viviane, Vogliamo anche le rose, Volver, Vulcano, Water, We want sex, Wild e tanti altri film: Guerrini, poeta, scrittore, docente, fa una dettagliatissima esegesi attraverso schede ben fatte e piacevoli a leggersi, citando abbondantemente anche battute delle pellicole prese in esame per suffragare il suo discorso e sostenere la tesi che propugna, e articoli di recensori come Elena Pedoto, Francesca Caruso, Marzia Gandolfi, Paola Casella, Giancarlo Zappoli e tanti altri. Un viaggio nella settima arte e nella società: da non perdere.

Standard
Libri

“Tintas”

download (3)di Gabriele Ottaviani

Ciò che accadde fu tanto tempo fa.

Fu prima di quella fine del mondo che non arrivò.

Molto prima della fine del mondo che invece arrivò.

Tintas – Tredici racconti dal Cile. A cura di Maria Cristina Secci. Edizioni Gran vía. Araya Díaz, Baeza, Bisama, Costamagna, Fernández, Jeftanovic, Labatut, Leonart, Meruane, Reyes, Zerán, Zambra, Zúñiga. La formazione completa è questa, una compagine sensazionale. Il Cile nel corso della sua storia ha vissuto, procedendo avanti e indietro nel tempo, seguendo un filo di sangue e suggestioni, la dittatura. L’obbligo del silenzio. La colonizzazione. La violenza. Lo statalismo e l’americanizzazione. La morte. L’oblio. Il Cile è una terra lontana dalle nostre latitudini. Diversa. Eppure vicinissima. Per quel che riguarda un universo di sensibilità che dalla terra sboccia e fiorisce nel vento. È una questione di pelle, di musica, di colori. E qui è rappresentata l’intera gamma. Vitalissima. Dal centro alla periferia, elaborando il dolore del passato per protendersi nel futuro. Sono racconti sensazionali quelli qui raccolti, uno più bello dell’altro, e sanno essere al tempo stesso classici e originali. Un’antologia irrinunciabile.

Standard