Libri

“Vite di nove ipocondriaci eccellenti”

di Gabriele Ottaviani

Gould in primis aveva solo una conoscenza fugace del Nord…

Vite di nove ipocondriaci eccellenti, Brian Dillon, Il saggiatore. Traduzione di Alessandra Castellazzi. L’ansia non è produttiva, si sa, e del resto se un problema ha soluzione non vale la pena preoccuparsene. Così come se del resto rimedio non c’è, perché vuol dire che non si può far niente di niente. L’ipocondriaco invece un’ansia ce l’ha, eccome, anzi, la sua è una vera e propria generalizzata, indistinta e multiforme angoscia, il puro terrore di ammalarsi, patire, soffrire, perdere salute e libertà, dipendere, morire, anche contro ogni ragionevole logica, fermo restando che il fatto che la vita, perlomeno quella terrena, abbia una fine è assolutamente inevitabile, e, anzi, è anche una delle poche cose equanimi, a cui non interessano gusti sessuali o conti in banca, tanto per dire: nonostante quest’autoinferta menomazione alla propria serenità, però, certi ipocondriaci riescono ad avere esistenze eccellenti, gloriose, ammirate, persino invidiate, al netto di una mania che accomuna Warhol a Darwin, e certamente a molti altri (Carlo Verdone ci ha costruito buona parte della sua fortuna d’attore e regista…): nove biografie piacevoli come romanzi, da conoscere per conoscere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...