Libri

“Il cadetto”

download.jpgdi Gabriele Ottaviani

Alla compagnia vennero aggregati due nuovi elementi: il caposcelto Zanna e l’istruttore Chiappa, due anziani della quarta che l’anno precedente si erano distinti nello studio, nell’attività fisica e in quella strategico-militare. Il loro compito divenne quello di prendersi cura di noi cappelloni. Diventammo il loro passatempo preferito. Dormivano con noi, mangiavano con noi, ci seguivano nello studio e soprattutto ci punivano in continuazione. Chiappa era un nanetto irascibile con un fondo di umanità. Zanna invece era un castigo di Dio. Si alzava di notte e ti puniva nel sonno, era meticoloso come una madre e malefico come un demone. Zanna controllava le tue camicie, le tue mutande, ti interrogava in matematica, ti riprendeva se non usavi a dovere il tovagliolo o se le tue scarpe non somigliavano alla corazza di uno scarafaggio. Nel giro di qualche giorno mi ritrovai sul collo Aneddis, Poltiglia, Chiappa e Zanna. Aneddis, l’anziano scoppiato, mi raccomandò vivamente al caposcelto e questi non perse mai occasione per mettermi in croce. Una volta rasentai il guinness. Mi punì all’alba perché ero sveglio prima della tromba, dopo due minuti mi punì perché avevo imprecato in camerata e subito dopo perché s’era ricordato che mi sarei dovuto presentare la sera precedente a eseguire cinquanta flessioni, mandato da Aneddis. Totale: non erano ancora le sei e mi ero beccato tre punizioni. Ma anche Poltiglia incalzava…

Il cadetto, Cosimo Argentina, Terrarossa edizioni. La riedizione dell’esordio letterario di Cosimo Argentina è ancora più incisiva della versione iniziale con cui l’autore si è palesato, con pieno merito, perché la sua voce è scabra, intensa e cristallina, ormai diversi anni fa. Riecheggiano echi tondelliani nella sua prosa maiuscola, complessa, potente e articolata, che dà piena cittadinanza al male di vivere che spesso, spessissimo si incontra, anche, se non soprattutto, quando si è giovani, quando si è in bilico sul bordo di un precipizio, sull’orrido della vita di cui non si vede il fondo, tra essere, voler e poter essere, sfere senza attrito trascinate giù lungo un piano inclinato ripidissimo e tortuoso. Eppure qualcosa che frena la caduta c’è, la consapevolezza, la solidarietà: e Leo è sempre dalla parte degli ultimi, degli emarginati, dei reietti, dei respinti, dei soli, dei rifiutati. Taranto, città malata di fumi e affamata di lavoro, è la culla che abbandona perché la sua ribellione trovi un canale all’accademia militare di Modena, ma presto quella vita gli sta stretta, e lo ritroviamo studente e lavoratore, tra Bari e Milano, e poi, ancora… Un entusiasmante ritratto della brama di vita che tutti infuoca: da non perdere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...