Libri

“John Fitzgerald Kennedy”

download (19)di Gabriele Ottaviani

Perché Kennedy pianificò quella trasferta a Dallas proprio nel novembre del ’63?

John Fitzgerald Kennedy, Riccardo Rossotto, Archivio storia. È diventato un mito. Il presidente giovane. Cattolico. Democratico. Grande amatore. Paladino dei diritti civili. Morto che era ancora un ragazzo, o giù di lì. Un santino. Una leggenda. Un nume tutelare. Un esempio. Un modello. Il rappresentante più noto e amato dell’unica vera famiglia reale che in fondo la storia del paese giovane per eccellenza, della terra delle opportunità che vuole far pagare al Messico un muro antimigranti pur sapendo perfettamente che di indigeno non ne ha lasciato sopravvivere nemmeno uno o pochi di più, abbia, abbia mai avuto e probabilmente mai avrà. Il ritratto di Rossotto non lascia nessun dettaglio all’ombra, è interessante e brillante, e ovviamente al centro di questo primo volume di una collana che si prefigge come obiettivo di indagare i più grandi delitti politici della storia c’è il giorno che ha cambiato per certi versi la storia del ventesimo secolo, l’immagine di una tragedia che è assurta al livello di simbolo e icona, di sintesi di un certo mondo, presenza costante nell’immaginario collettivo anche grazie ai mezzi di comunicazione di massa.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...