Cinema

“Barber Ring”

di Gabriele Ottaviani

Barber Ring. In anteprima mondiale al sempre meritorio Biografilm Festival di Bologna, l’ottimo documentario di Alessio Di Cosimo racconta l’imperdibile storia di riscatto e legalità di Manuel Ernesti, pugile e barbiere. Splendido sotto ogni aspetto, assolutamente da non farsi sfuggire.

Standard
Cinema

“Il paradiso del pavone”

di Gabriele Ottaviani

Il paradiso del pavone. In sala dal sedici di giugno per Nexo dopo l’anteprima nella sempre meritoria sezione Orizzonti della settantottesima edizione della mostra internazionale di arte cinematografica del Lido di Venezia. Cineasta raffinata, Laura Bispuri, con un cast stellare – Maddalena Crippa, Dominique Sanda, Alba Rohrwacher, Maya Sansa, Carlo Cerciello, Fabrizio Ferracane, Leonardo Lidi, Tihana Lazović, Yile Yara Vianello, Ludovica Alvazzi Del Frate, Carolina Michelangeli e tanti altri – realizza una sorprendente e destabilizzante esegesi della condizione umana nei suoi aspetti più delicati. Da vedere.

Standard
cannes, Cinema

“L’envol”

di Gabriele Ottaviani

Liberamente tratto da Vele scarlatte di Grin L’envol di Pietro Marcello, coproduzione internazionale con un meraviglioso Louis Garrel che ha aperto la Quinzaine allo scorso festival di Cannes, è l’ennesima prova d’artista di un cineasta formidabile, che racconta con grazia sublime nella Francia del nord la crescita con suo padre Raphaël, un veterano della grande guerra, di Juliette, fra libri, musica e una strana profezia… Simbolico, significativo, magnetico, maestoso.

Standard
Cinema

“Lia non deve morire”

di Gabriele Ottaviani

Lia non deve morire. Di Alfonso Bergamo. Con Francesca Cellini, Mario Paradiso, Francesco Barra, Elena Romagnoli. Un corto intenso e importante che affronta il tema dell’identità di genere e dell’accettazione, in primo luogo di sé stessi: Lia infatti è quella parte di sé che Vincenzo, attore, marito e padre, è stato da sempre costretto a reprimere, e la disperazione si fa talmente forte che l’uomo ha preso una decisione. Ma… Da vedere.

Standard
Cinema

“L’altra luna”

di Gabriele Ottaviani

L’altra luna. In sala, dopo l’uscita sulla piattaforma Cinemagia, dal sedici di giugno per Hurricane e Stemo Production, in associazione con Xenon Servizi e Seven Dreams e in collaborazione con Rai Cinema, il riuscito, potente, doloroso, straziante, drammatico, tragicamente credibile film, girato fra Roma e Sarajevo, di Carlo Chiaramonte (aquilano dalla carriera lunga e onusta di meritati trofei nonché dottore in Storia e critica del cinema con una tesi dal titolo Gnoseologia, Etica, Estetica in Michelangelo Antonioni), con, tra l’altro, il montaggio della recente vincitrice del David di Donatello Annalisa Schillaci, che racconta la storia dell’incontro fra Luna, in procinto di sposarsi col suo fidanzato storico, e Martina, giovane omosessuale fuggita in Bosnia dall’Italia e dalla sua abulia. Da vedere.

Standard
Cinema

“Jujutsu Kaisen 0”

di Gabriele Ottaviani

Jujutsu Kaisen 0 – The movie. Finalmente in Italia per una settimana in sala per Nexo Digital a partire dal prossimo nove di giugno l’anime tratto dal manga più venduto degli ultimi due anni, un successo eccezionale e un ottimo film di genere che racconta la storia di Yuta Okkotsu che, da bambino, ha perso la sua migliore amica, Rika, uccisa in un incidente d’auto davanti ai suoi occhi. I due si erano promessi amore eterno così, dopo l’incidente, Rika è diventato uno spirito vendicativo, mentre Yuta ha iniziato a desiderare la morte, e… Imperdibile.

Standard
cannes, Cinema

“Butterfly vision”

di Gabriele Ottaviani

Butterfly vision. Passato da Cannes, l’intenso e straziante film di Maksym Nakonechnyi che mette al centro con efficacia gli anni dell’ignorato conflitto in Donbas racconta di una donna ufficiale di ricognizione aerea militare liberata dalla prigionia, durante la quale è stata violentata dai soldati russi: travolgente.

Standard
Cinema

“Il fronte interno”

di Gabriele Ottaviani

Il fronte interno. Di Guido Acampa. In sala. Con, fra gli altri, Nello Mascia, Betti Pedrazzi, Luigi Iacuzio, Autilia Ranieri, Antonello Cossia, Margherita Imparato, Raffaele Ausiello ed Emanuele Valenti. Da una città immaginaria dell’Italia di sette anni fa, sede di una base militare, decollano verso l’Iraq stormi di bombardieri allo scopo di arginare l’incombente minaccia dell’Isis: non sono però solo gli equilibri internazionali ma anche, se non soprattutto, quelli interiori dei membri della comunità, ognuno agitato dal proprio demone, a rischiare di far deflagrare conflitti e tensioni. E… Interessante.

Standard
cannes, Cinema

“Le parfum vert”

di Gabriele Ottaviani

Le parfum vert. A Cannes. Divertente, brillante, intelligente, commedia e insieme spy story con abbondante condimento di ironia e professionismo a cura di due protagonisti con i controfiocchi e che non hanno bisogno di presentazioni come Sandrine Kiberline e Vincent Lacoste: graziosissimo.

Standard
cannes, Cinema

“Little Nicholas”

di Gabriele Ottaviani

Little Nicholas. A Cannes. Una vera e propria delizia raffinatissima, una dichiarazione d’amore, un’ode all’infanzia, alla letteratura, alla poesia, all’arte di giocare e crescere, alla tenerezza per il tramite della quale i bambini guardano con puro incanto al mondo che passa attraverso il tratteggio delicatissimo di un classico d’oltralpe: imprescindibile.

Standard