Libri

“Sata”

di Gabriele Ottaviani

Sta guardando una mappa, cosa credi che voglia fare?

Sata, Alan Booth, Vallardi. Traduzione di Nicola Ferloni. Camminare è un modo per stare bene, per conoscere e conoscersi, per scoprire, riscoprire e riscoprirsi, trovare e ritrovarsi: e certamente in un luogo dalle infinite suggestioni come il Giappone non mancano le vie per il benessere fisico e psichico, concreto e spirituale. Questo è il racconto di un lungo, intenso, avvincente, profondo viaggio, in primo luogo dentro di sé, compiuto da un uomo, con i suoi tempi, i suoi mezzi, il suo bagaglio, di suppellettili ed emozioni: lirico e da non perdere.

Standard
Libri

“103 mappe per capire il mondo di oggi e salvare quello di domani”

di Gabriele Ottaviani

103 mappe per capire il mondo di oggi e salvare quello di domani, Katapult, Vallardi. Non sapete come fare a rinunciare alla nicotina? Abbuffatevi di melanzane: ne contengono, e viene anche correttamente smaltita, per il tramite del fegato. Questa è soltanto una delle mille e più curiosità in cui ci si può imbattere in questo divertentissimo e istruttivo vademecum alla portata di tutti, una vera e propria guida – del resto a cos’altro serve una mappa? – per affrontare, conoscere e migliorare la realtà, tra infografica, geopolitica ed ecologia: graziosissimo e geniale.

Standard
Libri

“La scelta di Quarry”

44420-la-scelta-di-quarry.jpgdi Gabriele Ottaviani

Era quello il problema, quando si viveva in una bolla: si vedevano solo le possibilità che stavano dentro la bolla stessa.

La scelta di Quarry, Max Allan Collins, Vallardi, traduzione di Andrea Berardini. Esterno. Notte. Albergo. Parcheggio. Agguato. Sparatoria. Ordinaria amministrazione, si direbbe, per un sicario professionista. La stranezza, però, c’è, e in questo caso sta nel committente. Quarry è assoldato da Broker, il suo datore di lavoro ufficiale, per così dire. Colui che lo protegge, e al tempo stesso lo tiene sotto scacco. Il che lo costringe a fare l’infiltrato nella malavita locale di quegli stati degli USA che sono noti con la definizione di Bible belt, quelli che per Rhett Butler potevano produrre solo cotone, schiavi e arroganza, insomma. E così da assassino su commissione si fa indagatore del mistero: chi vuole morto Broker? E perché? Unico aiuto: una prostituta. Giovanissima. E molto più che sveglia. Disincantato, mozzafiato, trascinante, ironico, cinico, brillante, cinematografico (e non è un caso che la HBO ci stia lavorando su, ovviamente…): un noir classico e originale, un libro davvero come si deve. Per gli appassionati del genere e non solo una lettura da non lasciarsi sfuggire.

Standard
Libri

“Quarry”

quarry.jpgdi Gabriele Ottaviani

Aprì le gambe, io strisciai su di lei e le scivolai dentro facilmente.

Quarry, Max Allan Collins, Vallardi, traduzione di Andrea Berardini. Il Vietnam l’ha risparmiato, non il dolore del ritorno. E del ritrovare un mondo a cui non sente più di appartenere, e che non riconosce più. Questo è Quarry, e per questo inizia a fare il sicario. Perché il mito del sogno americano certe volte passa anche per il delitto su commissione. Il primo incarico che gli viene affidato sembra molto semplice. Sembra. E sembra anche che sia tornato fra noi Raymond Chandler, o quantomeno qualcuno che possa fregiarsi del titolo di suo degno erede: le trame sono classiche ma assai ben congegnate, la coloritura dei personaggi e della realtà è vivida ed efficace, il ritmo coinvolgente, lo humour nero al punto giusto, per un antieroe magnetico e intrigante. Non stupisce che la HBO – It’s not tv, it’s HBO, come recita il fortunatissimo slogan – ne stia traendo una serie con protagonista Logan Marshall-Green: da leggere.

Standard