Libri

“Una giornata”

di Gabriele Ottaviani

Non avrei voluto darle questa spiacevole notizia, ma è bene che lei sappia cosa sta accadendo alle sue spalle…

Una giornata, Alain Elkann, Bompiani. Con Delaunay in copertina verrebbe da dire che piaccia vincere facile, e in effetti l’immagine è a dir poco meravigliosa. Ma splendida è anche la prosa, come sempre raffinata e misurata, di Elkann, che racconta ventiquattr’ore cruciali nell’esistenza di un uomo ambizioso ma annoiato e un po’ imbolsito, un direttore di museo che la cappa dell’umido maggio parigino pare opprimere più pesantemente che mai, mentre riflette sulle sue relazioni concluse, si interroga sulla sua salute e teme che il declino, da ogni punto di vista, sia prossimo. Inoltre, sessantottenne, non troppo lontano dalla pensione, parrebbe essere invece sul punto di fallire, per colpe non sue, l’ingresso all’Accademia… Elegante e intrigante.

Standard
Libri

“Una giornata”

IMG_20170321_103707.pngdi Gabriele Ottaviani

La fortuna! La fortuna!

Una giornata – Novelle per un anno, Luigi Pirandello, Cento Autori. Prefazione di Carmine Treanni. Effetti di un sogno interrotto, C’è qualcuno che ride, Visita, Vittoria della formiche, Quando s’è capito il giuoco, Padron Dio, La prova, La casa dell’agonia, Il buon cuore, La tartaruga, Fortuna di esser cavallo, Una sfida, Il chiodo, La signora Frola e il signor Ponza, suo genero, Una giornata. Sono solo alcuni fra i numerosissimi capolavori del premio Nobel che ha saputo, specie nel suo tempo, raccontare in maniera mirabile il tema della maschera, dell’identità, dell’ipocrisia che l’essere umano mette in atto nei confronti di sé medesimo e nel contesto della società che appare sempre giudicante, pronta a sottolineare le altrui debolezze, a dileggiarne. In questi icastici racconti la vena finanche umoristica dell’autore che proprio l’umorismo ha saputo ridefinire (in particolare per quel che concerne le sue venature tragiche, il suo volto triste) in modo tale da diventare un modello splende limpida e si erge stentorea come la voce di un eroe: da non lasciarsi sfuggire.

Standard