Libri

“Un uomo felice”

hai zidi Gabriele Ottaviani

…della giovinezza solo si può dire

quanto sia fragile…

Un uomo felice, Hai Zi, Del Vecchio Editore. A cura di Francesco de Luca. Introduzione di Ling Hongwei. Postazione di Massimo Bocchialini. Con testo a fronte. Suicidatosi due giorni dopo il suo venticinquesimo compleanno, il ventisei di marzo del millenovecentoottantanove, mentre la sua terra era agitata da numerosi tormenti, sdraiandosi sul binario di Shanhaiguan, Hai Zi, pseudonimo di Zha Haisheng, è una voce lirica straordinaria, caleidoscopica, policroma, raffinatissima, universale, surreale, trascendente (ovvio che gli ingranaggi protervi della propaganda di regime, nonostante il grande successo, abbiano fatto di tutto per evitare che comparisse e compaia nel canone nazionale), capace di far vibrare con intensa dolcezza e delicata grazia le corde dell’anima di ciascuna delle persone che abbia la grande fortuna di potervisi ritrovare immersa: questa raccolta di componimenti è assolutamente imprescindibile.

Standard