Libri

“Un posto sicuro”

81XrkCkfy9L._AC_UL436_SEARCH212385_ (1).jpgdi Gabriele Ottaviani

Ma, d’un tratto…

Un posto sicuro, Cristiano Pedrini, Queen edizioni. Sotto il regno della regina Vittoria la sperequazione sociale, nonostante il puritanesimo imperante tenda ad ammantare ogni cosa di una neghittosa coltre di perbenismo, è in realtà più mordace che mai, il confine fra ricchi, spesso non perché grandi lavoratori che hanno saputo accantonare con pieno merito autentiche fortune ma semplicemente in quanto eredi di schiatte d’austero lignaggio, e poveri è netto e difficile a valicarsi. La gestione del grande opificio di famiglia è, nonostante non vi sia affatto interessato, l’attività principale nella vita di Terence, un nobile che però desidera fare del bene con la sua fortuna, e che incontra sulla propria strada un tredicenne orfano che non ha altre prospettive che finire venduto in un bordello. Un sincero affetto e una reciproca accettazione della propria alterità rispetto al mondo e alle sue regole non tarderanno dunque a sbocciare, e… Emozionante, commovente, profondo.

Standard