Libri

“Ultima la luce”

download (2).jpegdi Gabriele Ottaviani

La minima difficoltà si portava dietro tutto il suo sconforto.

Ultima la luce, Gaia Manzini, Mondadori. In lizza per il premio Comisso di quest’anno. Ivano è un ingegnere. Progetta dighe ovunque. La più solida di tutte, però, è la sua famiglia. Il cui pilastro è la moglie, Sofia. Che un giorno passa ai più. Lo lascia solo. Sbigottito, ma non domo. Raggiunge dunque il fratello, che da anni si è trasferito a Santo Domingo. Ma dopo un po’ comincia a notare in lui dei comportamenti che non possono non apparirgli strani, e che inevitabilmente lo portano a riconsiderare tutto il passato. Con conseguenze sconvolgenti, ma regalandogli anche l’opportunità, a partire dalla crisi (non a caso le lingue fondate sugli ideogrammi legano inestricabilmente i due concetti nello stesso simbolo grafico), di un nuovo inizio. Con stile fresco, accattivante, elegante, ricercato, potente, Gaia Manzini caratterizza i personaggi e gli ambienti con cura e sapienza. Da leggere.

Standard