Libri

“Tutti pensano che sia un fachiro”

unnamed.jpgdi Gabriele Ottaviani

Papà, lui era un fottuto vegano, ecologista e antitecnologico, ma io lo amavo. Era anche molto attraente e mi bastava guardarlo per immaginarmi a letto con lui, che mi accarezzava, che scopavamo, dormivamo e ci svegliavamo insieme… Ho continuato a pensare a lui per anni, fino ad oggi che non lo amo più, anche se a volte non so, forse lo amo ancora, non lo so, forse non dovrei amarlo più. L’ho conosciuto al supermercato all’angolo, il MANGIASANOSUBITO, un negozio di prodotti ecologici, biologici, pane e paste integrali, gestito da una signora tinta di biondo che le suona al marito, e il cui vero mestiere è risparmiare sulle tasse, dato che non mi fa mai lo scontrino e nemmeno mi saluta, mi guarda anche male. Lui stava chiacchierando con la signora e si dicevano cose del tipo: Sì, il riso integrale regola la digestione. Anche l’avena senza conservanti. Qual è il miglior tipo di chia? L’ho visto, papà, e qualcosa è scattato dentro di me.

Tutti pensano che sia un fachiro, Claudia Apablaza, Edicola. Traduzione di Angela Bortoluzzi. Credo che mio padre pensi che sono un fachiro, Ginnastica, arti marziali, happy dance, zumba, pilates, corsa, camminata, alpinismo, eccetera, Papà, lui era un fottuto vegano ecologista ma io lo amavo, Se mi porti a Guadalajara, mai più latte e derivati, Anche tu fai ashtanga?, Mangerò patatine fritte solo quando arriverà la fine del mondo, La storia di Isi, Movistar. Di quella volta che sono diventata quasi zen, Non voglio avere la pancia, Il tentativo di scrittura del corpus teorico-emotivo di altri testi e Dieci modi di mettere una pietra sopra a tutto questo ed essere felice: undici deflagranti, finissimi, geniali, originali racconti, tessere del mosaico d’una commedia umana mirabile raccontata con grazia e declinata nelle sue molteplici e sovente contraddittorie – come del resto è la nostra realtà – sfaccettature da una voce nuova, intensa e policroma, di cui la narrativa aveva indubbiamente bisogno. Da non perdere.

Standard