Libri

“Tutti a bordo!”

Perrone-Tani MCdi Gabriele Ottaviani

Giada continua la sua inchiesta sull’amore e va a parlare con il capitano Achab che in salotto ha acceso la televisione e sta guardando un documentario sulle balene. «Caro capitano, mi racconta qualcosa della sua vita?». «Certo. Sono nato a Nantucket, nel Masschusetts. Mia madre, vedova, morì quando avevo solo dodici mesi. Mi sono imbarcato presto e a diciotto anni ho ucciso la mia prima balena. Poi sono diventato capitano e un giorno ho visto LEI!». «La donna di cui si è innamorato?». «Ma che donna! Lei era Moby Dick, la balena che mi ha mozzato la gamba mentre provavo a ucciderla. Da allora il mio unico obiettivo è stato trovarla…».

Tutti a bordo!, Cinzia Tani, Giulio Perrone editore. Giada, Luca e Lalla sono i tre nipoti del capitano Giovanni. La cui casa è decisamente particolare. Pare sempre sul punto di mollare gli ormeggi e salpare verso nuovi orizzonti e mirabolanti avventure. Al posto delle finestre ha degli oblò, del resto, sicché… Ma ancora più stravaganti sono gli ospiti che bussano alla porta ogni due per tre: Noè, il corsaro verde, il corsaro rosso, Magellano, il corsaro nero, Robinson Crusoe, Ulisse… Una vera e propria folla di lupi di mare, insomma… Cinzia Tani è avvezza alla scrittura, ma di norma sono altri i temi che tratta: eppure la sua vena appare comunque più che solida. La prosa è limpida, frizzante, lineare, divertente, semplice, chiara, immaginifica, varia, mai banale, accurata, adatta a tutte le età, pluristratificata: un piacevolissimo tuffo dove l’acqua è più blu.

Standard