Libri

“Scomparsa”

scomparsa_02_2_di Gabriele Ottaviani

La prima cosa che sente è la sua voce. C’è nessuno? dice, facendola gelare. Lascia cadere la catena, il cuore batte impazzito. Di nuovo: C’è nessuno? Non è lo Scimmione. È un altro uomo. Vicino, ma non tanto. A una certa distanza dalla porta.

Manca una sola cosa a questo romanzo. Il respiro. O meglio, in realtà manca ai lettori mentre si ritrovano a scorrerne le pagine in modo febbrile. Perché non si può fare altrimenti. Lascia letteralmente senza fiato. Penetra come una lama nella carne fresca, fa male. Eppure, seduce, attrae. Potenza del dolore, della forte emozione, che coinvolge e conquista. Un thriller di grandissimo livello, basato su descrizioni minuziose ma mai pedanti e su frasi che, pure quando sono più complesse, suonano asciutte, dirette come frecce scoccate dall’arco, Scomparsa di Tim Johnston, tradotto con particolare cura da Annamaria Biavasco e Valentina Guani e pubblicato da Neri Pozza: due ragazzi, un fratello e una sorella, un bosco, una sparizione. E il disgregarsi di tutte le certezze, mentre si fa strada la cognizione della violenza che può far parte di ogni vita, e capovolgerla a tradimento, e si cerca un senso, una spiegazione, un motivo e il riaccendersi di una speranza. Da leggere.

Standard