Libri

“Il colore del cibo”

unnamed.jpgdi Gabriele Ottaviani

I loro desideri e anche le loro pratiche tendono all’abbondanza, a una cucina ricca ed elaborata, possibile, però, soltanto durante le feste o in occasioni eccezionali. Il folklore rivela lo scarso apprezzamento per il “magro”, le erbe, le zucche, le cipolle, considerate poco nutrienti. Non è il rifiuto di alimenti che caratterizzano la loro cucina e la loro sensibilità alimentare, piuttosto la disaffezione per cibi ordinari, a cui si è costretti quasi quotidianamente. Numerosi testi di tradizione orale ironizzano sul “mangiare vegetariano” cui si è obbligati, rivelano il rifiuto dell’ideologia ecclesiastica del “digiuno” e delle “astinenze”. La prescrizione religiosa del digiuno e delle erbe (secondo concezioni religiose, mediche e filosofiche che affondano le loro radici nell’antichità) appare spesso razionalizzazione delle scarse disponibilità alimentari e di uno stato di precarietà persistente (Teti 1978; 1990a; 1992). Non è necessario condividere l’impostazione materialistica e deterministica di Marvin Harris (1977; 1985), per notare come modelli e valori dietetici delle società tradizionali del Mediterraneo fossero legati a situazioni concrete, dipendessero da necessità. Molti cibi diventavano “buoni da mangiare” soltanto perché riuscivano a risolvere il problema della “fame”. Lo stesso “digiuno” appare esito di necessità più che di scelte legate a motivazioni dietetiche o a prescrizioni religiose. Quaresima che esalta corpi denutriti, magri, cadenti, brutti è oggetto d’ironia e di disprezzo. Non a caso nel folklore dell’Italia meridionale è immaginata e raffigurata come una “strega”, cattiva, vecchia, magra, brutta, secca, ricurva, dispensatrice di astinenze ed erbe che fanno piangere grandi e bambini. Le filastrocche, recitate o cantate dai bambini in diverse località della Calabria, rivelano il rifiuto popolare dei cibi e dei corpi magri…

Il colore del cibo – Geografia, mito e realtà dell’alimentazione mediterranea, Vito Teti, Meltemi, prefazione di Igor de Garine. Torna in una nuova veste completamente rivista ancor più ricca, approfondita e densa di significato un saggio di capitale importanza: è noto, siamo quello che mangiamo. Perché il cibo è cultura, tradizione, retaggio, eredità, identità, simbolo, cura, risorsa, strumento, sempre di più, anche se parrebbe strano a dirsi, in questo tempo che tutto reifica e fugacemente consuma: l’ospitalità, sacra sin dai tempi degli antichi, dato che finanche il padre di tutti gli dei visse la costrizione d’essere esule e ramingo, si esprime anche, per non dire soprattutto, attraverso il desco, luogo di dialogo, incontro, confronto, unione, condivisione, progettualità: per il tramite di una limpida e raffinatissima esegesi Teti racconta questo, e molto altro. Da leggere con attenzione.

Standard
Libri

“Quel che resta”

download (2).jpegdi Gabriele Ottaviani

Se la melanconia appare come malattia del luogo, la guarigione non può che configurarsi come un allontanamento, una fuga dai luoghi, un loro abbandono.

Quel che resta – L’Italia dei paesi, tra abbandoni e ritorni, Vito Teti, Donzelli. Bello e fragile è il nostro Paese. Fatto di ottomila comuni. Per lo più piccole realtà in cui ci si conosce tutti o quasi. Per la maggior parte luoghi che grondano una ricchezza che sovente non si riesce a monetizzare, per incuria, per pigrizia, per negligenza, per incapacità. Una ricchezza che si annida e germoglia nel cuore della gente che li abita, ché un luogo spopolato non è vivo. E spesso questi luoghi sono infatti proprio condannati a morire. Perché, per tante ragioni, per uno stato che spesso fatica a essere adeguatamente presente, per esempio, questi luoghi restano come organi vestigiali senza più funzione, che annichiliscono goccia dopo goccia il corpo, che lentamente muore. La nostalgia è il dolore del ritorno, di chi spera un giorno di rivedere quelle case e quei paesaggi che volente o nolente ne hanno contribuito alla formazione: il testo di Teti, dettagliatissimo, racconta le crisi e le opportunità del nostro territorio, di un patrimonio delicatissimo la cui perdita non può che impoverirci tutti.

Standard