Libri

“Un segreto a Piccadilly”

di Gabriele Ottaviani

È un posto strano, un miscuglio di cose, alcune buone, altre brutte. Ma questa sera, dopo cena, faremo una passeggiata. Crawford conosce a fondo il quartiere. È stato poliziotto di ronda quaggiù e tutti lo conoscono. Siamo al sicuro con lui.

Un segreto a Piccadilly – La saga dei Falconer, Barbara Taylor Bradford, Sperling & Kupfer, traduzione di Sofia Mohamed. Scrittrice e giornalista inglese, prolifica e amata, di chiarissima fama e meritato e ampio successo, che si dipana attraverso le decine di copie vendute in tutto il mondo, Barbara Taylor Bradford, maestra delle saghe, ben connotate e facili e piacevoli a leggersi, conduce ancora una volta con mano sicura i suoi affezionati estimatori per le strade della Londra vittoriana, una città lacerata dall’ipocrisia e dalla sperequazione sociale ma al tempo stesso la terra delle opportunità per chi voglia emanciparsi contando sulle sue forze e sull’incrollabile potenza della volontà: James Falconer è cresciuto facendo l’ambulante e ora che ha vent’anni sta compiendo, gradino dopo gradino, la propria scalata verso l’autodeterminazione, ma… Elegante e dal respiro ampio e classico: da leggere.

Standard
Libri

“Il mercante di Londra”

71PCN56nppL._AC_UY218_di Gabriele Ottaviani

Si era invece sentita molto felice quando lui aveva sposato Anne ed era uscito di casa. Anne: una amabile giovane donna che pareva stravedere per Albert. Una volta Marina aveva accennato al loro matrimonio a Georgiana Ward, chiedendosi ad alta voce come mai funzionasse. Georgiana aveva inarcato un sopracciglio con aria d’intesa ed era scoppiata a ridere. Aveva detto che circolava la voce che Albert fosse un amante geniale, che sapesse come soddisfare una donna. Sesso, pensò. Si tratta sempre di sesso.

Il mercante di Londra – La saga dei Falconer, Barbara Taylor Bradford, Sperling & Kupfer, traduzione di Sofia Mohamed. La Londra dell’epoca vittoriana, Dickens e Wilde – e non solo loro – insegnano, è, come del resto tutto l’impero della longeva sovrana, un grappolo di contraddizioni, nel quale la sperequazione sociale si staglia in tutta la sua monumentale ipocrisia: James Falconer proviene da una famiglia umile, ma è determinato a emanciparsi. Ha cominciato a lavorare in modo indefesso sin dalla più tenera infanzia come ambulante al banco del padre, in un avviato mercato della capitale britannica, e ora che è un adolescente, e ha tutte le carte in regola perché, con l’occasione giusta, possa emergere grazie solo e soltanto ai suoi meriti, si è prefisso degli ambiziosi obiettivi: la sua abilità non mancherà di destare l’attenzione di Henry Malvern, il proprietario del mercato dove i Falconer lavorano, e i destini delle due famiglie sembrano proprio inevitabilmente sul punto di intrecciarsi. Così… Avvincente, appassionante, epico, sensibile, raffinato, riuscito: da non farsi sfuggire per nessuna ragione al mondo.

Standard