Libri

“Sul corno del rinoceronte”

di Gabriele Ottaviani

Gocce di pioggia cadono sul parabrezza come colpi di fucile, tirandomi fuori dai ricordi e riportandomi con il pensiero al frastuono della rivolta. Se le nostre emozioni sono dentro l’acqua, come pensava Meriem, in questo improvviso temporale c’è il riflesso del profondo tormento dei tunisini e il desiderio di ricostruire il paese. Di assistere alla nascita di una nuova Tunisia purificata.

La ricerca della propria identità talvolta può passare anche attraverso una corsa in taxi: Hedi, moderno Virgilio, è la guida di Mary in una Tunisia in cui il vento di cambiamento spira fresco e forte insieme allo zefiro capriccioso della precarietà. Si susseguono i ricordi, in particolare quelli che la vedono insieme a Meriem, appena morta. Per questo Mary è in Africa, per partecipare al suo funerale, e dall’aeroporto di Tunisi deve raggiungere la città natale dell’amica, Kairouan. La rivoluzione interiore e quella di piazza si intrecciano nel valido tessuto narrativo, insieme alla fusione di due culture diverse. Sul corno del rinoceronte di Francesca Bellino per L’asino d’oro è un libro di viaggio, nello spazio, nel tempo e nel cuore, bello e scorrevole: una buona occasione per leggere.

Standard