Libri

“Stonehenge”

71TKFm9umcL._AC_UL320_di Gabriele Ottaviani

Fra tanti moderni graffiti e segni d’usura vennero scoperte alcune moderne incisioni…

Stonehenge, Bernhard Maier, Il Mulino. Traduzione di Marco Cupellaro. Da oltre trent’anni patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, sito neolitico, ricostruito nel Novecento, di chiarissima fama, ubicato a poche miglia da Salisbury, in Inghilterra, è uno dei monumenti senza dubbio più suggestivi del mondo e dell’umanità, in merito al quale si sono spesi letteralmente fiumi di inchiostro (non tutti, per esempio, concordano infatti con l’opinione che si tratti di una sorta di osservatorio astronomico): Stonehenge, meta del turismo di massa, luogo di pellegrinaggio neopagano, per oltre un decennio, prima di un violento scontro con le forze dell’ordine che fece sancire al governo la sua soppressione, sede di un festival musicale, è un vero e proprio protagonista della storia e della cultura, di cui Bernhard Maier descrive ogni minimo dettaglio con cura certosina. Da leggere, sperando magari di poter tornare presto a viaggiare e a visitarlo di persona.

Standard