Libri

“Stanza 19”

910CT9MjWdL._AC_UY218_di Gabriele Ottaviani

«Il porco ha chiamato la scuola di recitazione», racconta Fleischauer, «e l’ha minacciata di ritirare il finanziamento se avessero continuato a dare lezioni a Sinje». «Cosa?», replica Tom guardando Fleischauer con scetticismo. «Dice sul serio?». Fleischauer resta impassibile. «Anch’io ho reagito come lei. Ma Sinje ha parlato con il direttore della scuola, che all’inizio non voleva sputare il rospo. Sa essere molto persuasiva». «Ci sono testimoni?», chiede Tom. «Testimoni? Ah ah!», esclama Fleischauer in tono canzonatorio. «Keller è troppo scaltro. Un bugiardo di professione che minaccia senza che nessuno possa fargli niente».

Stanza 19, Marc Raabe, Newton Compton. Traduzione di Alessia Degano. Durante una prestigiosa rassegna cinematografica quasi duemila spettatori assistono a una proiezione. Terribile. Non perché si tratti di un film orrendo. Ma perché sullo schermo si vede morire, davvero, la figlia del sindaco di Berlino, Otto Keller. E l’assassino lancia pure un monito finale: non sarà l’ultima a essere colpita senza scampo dalla scure della sua furia. Tom Babylon non può che indagare… Marc Raabe, che conosce a menadito i meccanismi della scrittura e del piccolo e grande schermo, dà vita a un nuovo travolgente romanzo. Ad altissima tensione.

 

Standard