Libri

“Leonardo da Vinci”

51hHQ0VbvAL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Nel giorno di san Tommaso e san Anatolio, domenica il terzo di luglio, dopo una lunga discussione, si decise di mettere in campo, a disposizione di Sua Maestà re Carlo dei francesi, quattro “bandiere” complete; ognuna delle quali con almeno otto “bandiere piccole”, in modo che non meno di mille uomini compongano ogni bandiera, forte di picchieri come di alabardieri ovviamente suddivisi per numero secondo i distretti. Capitani Maggiori di campo delle bandiere sono stati eletti, con il consenso unanime del consiglio di guerra, i signori Niklaus Studer, William Schutter, Burkhard von Erlach e Manfred Jörg il Guercio.

Leonardo da Vinci – Il Rinascimento dei morti, Giorgio Albertini, Giovanni Gualdoni, Giuseppe Staffa, Newton Compton. A Milano, nel settembre del millequattrocentonovantatré, Leonardo da Vinci, il più grande genio del suo tempo e con ogni evidenza non soltanto di quello, è chiamato a indagare su un delitto. Il problema è che quando si trova al cospetto del cadavere assieme ai suoi assistenti quello, incredibile a dirsi e impossibile a vedersi, si risveglia: e il signore della città meneghina gli rivela che quello, e non solo a Milano, non è affatto l’unico caso che in quei frangenti si sta verificando. Non resta che cercare di vederci più chiaro… Per gli appassionati del genere horror, una storia brillante e divertente.

Annunci
Standard
Libri

“L’incredibile storia del Medioevo”

61s7tFygELL._SY346_.jpgdi Gabriele Ottaviani

La spedizione bizantina che doveva costituire il preambolo per la ben più incisiva impresa normanna fu quella voluta dal basilio Michele V il Calafato nel 1037.

L’incredibile storia del Medioevo – Un viaggio affascinante nell’Italia divisa tra impero e papato, Giuseppe Staffa, Newton Compton. Mille anni sono niente rispetto all’eternità. Sono dodici volte, più o meno, la durata meta di una vita umana, ora come ora. Sono il tempo che intercorre tra la caduta dell’impero romano d’occidente e la scoperta dell’America. Sono il tempo del medioevo. Che certo è stato chiamato così a posteriori. Sono un’epoca detta buia per antonomasia, ma non lo è. Sono un periodo in cui il mondo è cambiato. Tanto. Si è evoluto. Giuseppe Staffa non lesina in dettagli né in particolari, anzi: con uno stile dotto ed efficace, ma mai aspro, racconta letteralmente, come si suol dire, tutto quello che avremmo voluto sapere e forse non avremmo mai osato chiedere. Divulgativo, brillante, per tutti.

Standard