Libri

“Cercando Beethoven”

di Gabriele Ottaviani

«Non vi sottovalutate, illustre dottore… Voi leggete Goethe, e avete frequentato Novalis. Qualcosina l’avrete imparata, o no?». «La ritengo una presa in giro, signor musico, e se è così me li rimetto in tasca e buonanotte». Mi misi a ridere e glieli sfilai da davanti. Rise anche lui riprendendo in mano il sigaro come se dovesse riaccenderlo. «Avanti», disse, lasciando elegantemente scivolare un rimasuglio di cenere, «ridammeli, fammi iniziare, è nel tuo interesse». Mimando un gesto di benevolenza glieli restituii. Sorrise soddisfatto, sospirò fingendo indignazione per doversi sobbarcare la fatica di riordinarli, poi si schiarì la voce con un colpo di tosse teatrale e iniziò. Wegeler aveva iniziato raccontando che Beethoven aveva fatto l’aiuto cuoco durante una crociera sul Reno. Nell’occasione gli avevano anche dato un diploma che conservava gelosamente. Era in una scatola sul cui coperchio c’era un sigillo fissato con alcuni filamenti della fune di una nave. Un altro aveva parlato dei suoi atteggiamenti a lezione: un momento si commuoveva, subito dopo ti prendeva a pugni sulla schiena, una volta lo aveva costretto a tornare in fretta a casa da una passeggiata in campagna e si era messo a improvvisare per mezz’ora ancora col cappello in testa. «Perdonatemi», gli aveva detto, «oggi non potrò farvi lezione», e quello, di rimando: «Ma è stata la mezz’ora più utile della mia vita!». L’aneddoto più gustoso riguardava l’esecuzione di un quartetto di un altro compositore in cui Beethoven era al pianoforte…

Cercando Beethoven, Saverio Simonelli, Fazi. Per la prima volta Ludwig van Beethoven è il protagonista assoluto di un vero e proprio romanzo: il genio della musica mondiale, capace di cambiarne per sempre le sorti, colui che pur non udendo è stato capace di comporre armonie immortali, nella ricorrenza del duecentocinquantesimo anniversario della sua nascita rivive nel ritratto intimo, delicato, suggestivo ed emozionante che ne fa con raffinatezza Saverio Simonelli prendendo le mosse dalla ricerca quasi ossessiva che i tre protagonisti, per tentare di elaborare l’inquietudine che li attanaglia, compiono sulle sue tracce. Intenso e magnetico.

Standard