Libri

“La ragazza di Chagall”

Cattura2.PNGdi Gabriele Ottaviani

Rattrappita in quello spazio da voliera, si chiese se avrebbe dormito.

La ragazza di Chagall, Antonella Sbuelz, Forum. Romanziera e poetessa pluripremiata, docente appassionata di microstoria, studiata finanche all’università, tradotta in inglese, francese e croato, Antonella Sbuelz racconta in questo intenso volume caratterizzato da una prosa solida e maestosa la storia di un ragazzo e una ragazza che partono per nave da Trieste alla volta di Buenos Aires mentre l’Italia sta avanzando ad ampie falcate verso l’immondo disastro del secondo conflitto mondiale, e nel frattempo quella, destinata a intrecciarsi con l’altra vicenda, di due donne che hanno la colpa di voler essere libere e liberamente pensare, e che dunque sono costrette al confino su un’isola. Laddove avviene un delitto… Eccellente.

Standard
Libri

“La fragilità del leone”

51HmUUdZ-0L._SX328_BO1,204,203,200_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Tra i primi animali dell’arca avrebbe messo un paio di faine.

La fragilità del leone, Antonella Sbuelz, Forum. Nella longlist del premio Comisso. Siamo in prossimità di quel momento storico di svolta che per Ugo Foscolo significò la completa disillusione, il tradimento, il crollo e l’abbandono degli ideali, la svendita del leone di San Marco, la sacra e serenissima Venezia agli austriaci col trattato di Campoformio da parte di Napoleone, il generale corso in cui in tanti, tra cui lo stesso poeta, avevano riposto moltissime speranze. È l’estate del millesettecentonovantasette, e sotto uno dei meno frequentati ponti della città della Giudecca un corpo mascherato cola a picco. Passa un anno e un uomo e una donna si incontrano tra i canneti di una selvaggia laguna friulana: entrambi sono in fuga, per motivi diversi. A loro si aggiungono altri due personaggi, accomunati ai precedenti da un unico grande anelito: la libertà. Di poter essere quello che realmente si è. Ricostruzione storica mirabile, prosa ampia, suadente e affascinante, caratterizzazione meticolosa: da non perdere.

Standard