Libri, Senza categoria

“Stregato dalla luna”

51VgujOZPlL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Niente eccitava Em più dell’entusiasmo a letto.

Stregato dalla luna, Piper Vaughn, M. J. O’Shea, Triskell, traduzione di Daniela Righi. Surya è un grande batterista. Propongono alla sua band il concerto con un’altra con cui hanno già collaborato. Quella con il cui manager Surya ha passato l’anno prima una notte di sesso sensazionale. Ma poi è scappato. E sperava di non rivederlo. Invece però si ritrova davanti proprio Em, che nell’ultimo periodo ha dovuto affrontare un mare di travagli, e che ora, dopo che l’inevitabile riaccade, è lui a sfuggire. Surya, però, ha capito che non può rassegnarsi… Intenso.

Standard
Libri

“Il più fortunato”

image003di Gabriele Ottaviani

Luka stava sfogliando dei documenti sulla propria scrivania, fissando il muro, quando il suo telefono suonò. Stava per catapultarvisi sopra, ma poi si trattenne e fece un bel respiro. Era Nick. Dio, avevano avuto un weekend infernale, però Luka doveva rispondere. Evitare di parlare con lui, anche dopo tutto quello che aveva passato a causa di quell’uomo, gli era impossibile. Rispose poco prima che partisse la segreteria telefonica. «Ciao,» rispose con esitazione. «Ehi! Cosa stai facendo?» Il tono di Nick era allegro. «Non lo so. Tu chi ti stai facendo?» Luka desiderò rimangiarselo non appena gli uscì di bocca. «Luka…» «Scusa. Ma mi ci vorrà un po’ per superare sabato sera, Nicky. Fa ancora male.» Nick tossicchiò. «Te l’ho detto. Non voglio avere più niente a che fare con quelle stronzate. Lo sai già.» «Con quante di quelle persone sei andato a letto? Hai mai baciato nessuno di loro?» Luka non desiderava conoscere la risposta, ma doveva saperlo. Il solo pensiero della lingua di quella ragazza, Julie, nella bocca di Nick gli faceva venire il vomito. «Cazzo, no! Non ho mai voluto baciare nessun altro.» Nick sembrò realmente indignato. Era già qualcosa. Finché Luka non ricordò il perché. «Oh, già. Perché non ti piace baciare. Sarebbe troppo intimo.» Nick fece un verso strozzato. «Perché ne stai parlando? Potrei anche essermi dato da fare con qualcuno di loro in un’altra vita, ma no, non ho mai baciato nessuno, e io adoro baciare. Ma solo te. Per favore, possiamo smettere di parlare di qualcosa che non è mai successo? Vorrei portarti fuori a pranzo.» «Dove?»

Il più fortunato, Piper Vaughn, M. J. O’Shea, Triskell, traduzione di Daniela Righi. Nick è allo sbando. Ha solo una speranza. Il rehab. Entra in un programma per disintossicarsi. La sua vita ormai è fuori controllo, e lui deve assolutamente riprenderne in mano le redini. È arrivato persino a essere geloso del nuovo amore di suo fratello, il punto di non ritorno è a un passo, il pubblico ludibrio una dolorosa realtà per lui che è abituato all’acclamazione dei suoi fan, unico suono che sovrasta il raggelante silenzio della solitudine che lo attanaglia. È bisessuale, e un tipo come Luka, gay piuttosto vistoso ed effeminato, normalmente determinerebbe in lui esclusivamente una reazione di scherno. Ma… Intrigante, fluido, convincente.

Standard
Libri

“Le Alpi”

41Tj+sS4Q6L._SY346_.jpgdi Gabriele Ottaviani

La cittadina di Briga, per quanto carina, non sembra un posto che possa avere qualcosa da dire in fatto di lusso.

Le Alpi – Una sensazionale avventura umana, Stephen O’Shea, Piemme, traduzione di Fabrizio Piva. Splendido sin dalla copertina dalle suggestioni deperiane, il libro racconta la storia di una catena montuosa di circa milleduecento chilometri di lunghezza attraverso cui sono passati, di valico in valico, più o meno tutti, finanche gli elefanti di colui che poi troppo indugiò a Capua e non portò a casa quella vittoria che sembrava molto più che imminente e scontata: pionieri, delinquenti, mercanti, pellegrini, imprenditori, crociati. Sono le Alpi, che O’Shea percorre da occidente a oriente come la filastrocca che serve per ricordarci che si compongono di Marittime, Cozie, Graie, Pennine, Lepontine, Retiche, Carniche e Giulie, ossia la celeberrima Ma con gran pena le reca giù, raccontando a tutti i lettori con linguaggio semplice, chiaro, accattivante, incisivo, brillante la loro storia sotto ogni aspetto, soddisfacendo tutte le possibili curiosità. Da leggere.

Standard