Libri

“Al cuore dell’Impero”

di Gabriele Ottaviani

Nel settembre 1816 Paolina acquista una residenza vicino a Porta Pia…

Al cuore dell’Impero – Napoleone e le sue donne fra sentimento e potere, Alessandra Necci, Marsilio. Passioni travolgenti e dolorosi addii fanno parte della vita di tutti, anche di colui per cui qualcuno si chiedeva se la gloria di cui amava ammantarsi il capo fosse autentica, lasciando l’onere della sentenza ai posteri: le figure femminili nella vita di Napoleone Bonaparte hanno un ruolo fondamentale, e le stanze della formazione e del potere sono sovente abitate da personaggi di multiforme ingegno e assai più complessi di quanto la tradizione non tramandi. Alessandra Necci realizza con cura certosina una pinacoteca di ritratti che attraverso la dovizia di particolari che li connota diverte e istruisce: da non perdere.

Standard
Libri

“Caterina de’ Medici”

caterina-de-medici_00di Gabriele Ottaviani

D’ora in poi, è «a lei» che bisognerà rivolgersi. E se non si aprirà il Grand Siècle, sarà perché le pulsioni, gli interessi, gli odi si dimostreranno troppo forti, dirompenti, simili a una valanga che trascina con sé tutto quello che trova. Bisogna anche ricordare che la Medici non detiene la legittimità né la potenza assoluta di Luigi XIV. Non è il re, lei; solo una donna e per giunta straniera. Sa bene che l’autorità del sovrano è fragile, che bisogna manovrare in mezzo a diverse fazioni, ciascuna delle quali potrebbe prevalere. Non ha abbastanza robustezza per schiacciarle, per cui deve gestirle e a volte venire a patti. Pur tuttavia, la sua maniera di intendere la regalità, la bravura con la quale si serve dei simboli, della «grande bellezza», del lusso e della magnificenza, il modo di concepire la corte, saranno altrettanti esempi per i sovrani a venire, primo fra i quali proprio il Re Sole. Non viene sottolineato spesso, ma la Francia «sciovinista e nazionalista» di Luigi XIV deve molto a quella «italianizzata» – o meglio, devenue italienne – di Caterina de’ Medici. Nelle lettere alla figlia, ella tiene comunque a ribadire che il potere preteso e ottenuto non è fine a sé stesso, bensì per il bene dei Valois e del regno. «Non pour moy, mais pour servir à la conservation de cet royaume et pour le bien de tous vos frères», «Non per me, ma per servire alla conservazione di questo reame e per il bene di tutti i vostri fratelli». In un’altra missiva, aggiunge che il suo compito è «ristabilire dolcemente tutto quello che la malizia del tempo può aver guastato in questo reame». Chissà come sarà rimasta sorpresa Diane de Poitiers, del mutamento repentino di colei che aveva per tanti anni umiliato e sottovalutato. Quella lontana cugina, alla quale aveva concesso come una grazia, qualche notte, di godere dei favori dello sposo legittimo, e unicamente perché doveva generare un erede…

Caterina de’ Medici – Un’italiana alla conquista della Francia, Alessandra Necci, Marsilio. Docente, avvocato, scrittrice, specializzatasi a Parigi, Alessandra Necci indaga la storia e la politica con attenzione rara e magnifica, dando vita a ritratti particolareggiati, curati, dettagliati, affascinanti, interessanti, impressionanti, mai banali né retorici o agiografici, sempre policromi, caleidoscopici, variegati, approfonditi, articolati, complessi ma mai ostici: sembra di conoscerli di persona, questi personaggi di cui si è solo letto, o visto sullo schermo. Amata, odiata, temuta, donna d’incomparabile ingegno, Caterina de’ Medici rivive in questo volume, inserito nella prestigiosa longlist di quest’anno di una delle più importanti rassegne letterarie italiane, il Premio Comisso, giunto alla trentanovesima edizione, ricchissimo di livelli di lettura e chiavi d’interpretazione. Come l’acqua per chi ha sete…

Standard
Libri

“Isabella e Lucrezia, le due cognate”

3172624di Gabriele Ottaviani

La prima persona a essere il punto di mira di queste affilatissime lingue femminili, è evidente, sarà la novella sposa.

Isabella e Lucrezia, le due cognate – Donne di potere e di corte nell’Italia del Rinascimento, Alessandra Necci, Marsilio. Lucrezia Borgia, la cui fama la precede ancora oggi, e non si tratta, com’è noto, di una nomea lusinghiera, sposa in terze nozze Alfonso d’Este. Sua cognata diviene pertanto Isabella d’Este, altro tipetto niente male davvero. Mecenate, collezionista d’arte, cerebrale, razionale, stratega raffinatissima, pensa prima allo stato e poi a sé. Lucrezia invece è creatura passionale per antonomasia, ma al tempo stesso sa essere anche lei per nulla affatto sprovveduta nel momento in cui deve amministrare il più prezioso e bramato dei beni, allora come ora, ché la storia si ripete, ossia il potere. Due donne diverse legate insieme in una prestigiosa biografia, molto ben fatta, interessante, divulgativa, intrigante, trascinante, piacevolissima, che riproduce con tratti molto accurati anche il contraddittorio contesto dell’Umanesimo e del Rinascimento italiano, fatto di splendori e miserie in egual misura. Da leggere.

Standard