Libri

“Direct food”

0b58d132b06ee93983b88ddf6c6a22ec_w_h_mw600_mh900_cs_cx_cy.jpgdi Gabriele Ottaviani

Il mercato è stato per secoli il luogo fisico per lo scambio di prodotti agricoli e agroalimentari. Nel passato era legato principalmente agli eventi e ai tempi che caratterizzavano i processi agricoli e di allevamento. i mercati più importanti erano rappresentati dalle fiere stagionali che si svolgevano nel periodo dei raccolti o al ritorno degli animali dal pascolo o in occasioni di ricorrenze religiose anch’esse spesso legate al mondo dell’agricoltura. in questi mercati vi era una relazione diretta tra agricoltore e consumatore e l’accesso era libero, limitato solamente dalla disponibilità degli spazi per esporre la merce. Nel corso dell’ultimo secolo questi mercati sono stati via via sostituiti da forme diverse che hanno sempre più allontanato il consumatore dall’agricoltore e dai luoghi di produzione.

Flaminia Ventura, Antonio Schiavelli, Pierluigi Milone, Direct Food – Agricoltori e consumatori alla riconquista del mercato, prefazione di Jan Douwe van der Ploeg, Donzelli. Siamo ciò che mangiamo. È un adagio antico, ma sempre valido, una frase formulare che in realtà, per certi versi paradossalmente in questa società sempre più globalizzata, nella quale grazie alla tecnologia si può essere dappertutto in un baleno anche rimanendo comodamente seduti alla propria scrivania di casa, rappresenta bene lo spirito del nostro tempo. Tra produttore e consumatore è infatti in atto con sempre maggiore frequenza un rapporto stretto, di condivisione e coesione sociale, di appartenenza, fondato sull’attenzione alla provenienza dei cibi, al rispetto della natura, delle corrette dinamiche produttive. C’è un interesse crescente in merito a queste tematiche, dovuto a una nuova presa di coscienza, a un recupero di consapevolezza e di comprensione dell’impatto, come un effetto domino, che hanno su larga scala anche i comportamenti individuali cui spesso non si è dato il peso dovuto. E quindi il mercato ritorna al centro, come luogo di scambio, di contatto. Il saggio pubblicato da Donzelli è ampio ed esauriente, e analizza con sguardo attento e accuratezza divulgativa il fenomeno e, partendo da lì, la contemporaneità.

Standard