Libri

“Il pianto della nube”

Messinadi Gabriele Ottaviani

Nel suo antico ricordo,

questa luce mi opprime…

Il pianto della nube, Antonio Messina, Il Foglio. Prefazione di Fabio Strinati. Il poeta, si sa, è un albatro fatto per volare: quando è a terra è goffo, impacciato, sofferente. Perde persino la voce, la capacità e la possibilità di cantare quando il mondo, intorno, gli è ostile, quando non riesce a penetrare il mistero dell’inconoscibile e dell’ineffabile, segreto che solo a lui può essere concesso, come se si trattasse dell’iniziato a un culto misterico, di sfiorare e raccontare. Il poeta aspira al trascendente, e, come un dio benigno, prende per mano chi gli si affida, piange con lui quando la paura lo attanaglia, quando vede l’ingiustizia, quando è al cospetto del male. La poesia è fatta per il bene e per salvare, ma il nostro tempo è sempre più invidioso, rabbioso, crudele, cattivo: e allora il cielo si commuove per commuovere, muovere, smuovere, per far invertire la rotta, per ritornare ad approdare al lido dell’attenzione, della cura, del rispetto. La realtà violata, liricamente denunciata perché non si dimentichi e perché non più accada, è il fulcro di questa intensa raccolta poetica. Da non perdere.

Standard
Libri

“A scuola di autobiografia”

fdnbvwjnb.pngdi Gabriele Ottaviani

Sollecitare lettere a se stessi e a se stesse; ad altri viventi, scomparsi, presenti o assenti significa ritrovare legami, il loro significato all’interno di una vita, la loro collocazione dentro la storia che sta prendendo pian piano forma attraverso la scrittura.

Lo si dice sempre: è bene scrivere solo di ciò che si conosce, almeno non si commetteranno errori. E chi si conosce meglio di sé medesimi, almeno in teoria? A scuola di autobiografia, di Ludovica Danieli e Donatella Messina (Mimesis), indaga in maniera impeccabile e interessantissima, chiara, mai cattedratica o pretenziosa, uno dei generi letterari più importanti e diffusi, la più immediata manifestazione di quell’innato desiderio di comunicare che ognuno ha in sé, perché tutti cerchiamo un modo per dare forma a ciò che vellica le corde più profonde della nostra anima. Scrivere dunque è ampliare e moltiplicare la propria esperienza di vita: il percorso Gràphein qui raccontato, primo appuntamento formativo che introduce al corso triennale della nota e prestigiosa Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, località in provincia d’Arezzo, Bandiera Arancione, Città Slow e borgo tra i più suggestivi in assoluto d’Italia, celebre per numerose storiche occorrenze, è una feconda immersione nel ritmo del giusto tempo, fatto anche di pause e silenzi, che esaltano il potere della parola. Da leggere.

Standard
Libri

“Alla deriva”

arton145993-74cd6.jpgdi Gabriele Ottaviani

E cambiò discorso perché quell’argomento gli riusciva penoso.

Alla deriva, Maria Messina, Edizioni Croce. Prefazione di Elena Stancanelli (Benzina, Le attrici, Firenze da piccola, A immaginare una vita ce ne vuole un’altra, Mamma o non Mamma, Un uomo giusto, La femmina nuda). L’ultima dei veristi (ebbe una fitta corrispondenza con Verga, iniziata quando la scrittrice aveva circa vent’anni ed era da poco a conoscenza del fatto che la sua salute era minata dalla sclerosi multipla), da sempre attenta alla martoriata condizione femminile del suo tempo, rimasta per decenni nell’ombra polverosa del dimenticatoio, e poi infine riscoperta, ma troppo tardi e al momento ancora con minor fortuna rispetto a quella che ha meritato, che merita e che deve continuare a meritare, racconta, in questo breve ma intenso, sensibile, scorrevole, modernissimo, scritto comme il faut, niente affatto datato, coinvolgente, classico ma non retorico, elegante e brillante libro, pubblicato per la prima volta novantasette anni fa dal celeberrimo editore Treves, la vicenda di Marcello Scalia, un giovane uomo nativo della Sicilia ed emigrato in Toscana per completare i propri studi universitari che s’innamora di Simonetta, diversa da lui per indole e ceto. Possono essere felici gli esiti, date le premesse? Ma… Da non perdere. Da leggere e rileggere.

Standard