Libri

“Grand Hotel Scalfari”

15857511050344845924837993460354di Gabriele Ottaviani

Rivisto, con le poche forze che mi restano, nel deposito dei ricordi e so che l’amore ha giocato un ruolo fondamentale.

Probabilmente l’attributo che di primo acchito sovviene alla mente quando anche solo si pensa a Eugenio Scalfari, fondatore di Repubblica, incarnazione della grande speranza delusa della democrazia italiana, galante ammiratore di Gina Lollobrigida, che risponde a una sua affermazione dimostrando un’intelligenza cristallina e un savoir-faire sublime, amico di Italo Calvino, cresciuto a Sanremo, la città del Casinò, nato nell’anno dell’omicidio Matteotti, che una certa storiografia vuole determinato anche dalla posizione del deputato socialista in merito proprio al gioco d’azzardo, fine polemista che sogna che il momento di scivolare in un’altra stanza avvenga – così gli dispiacerebbe meno – nel corso d’un attimo di piccola gioia, come, per esempio, mentre ha in mano una fetta dell’amato pandoro, altrimenti vietatogli a causa del diabete, è austero. Per l’intelligenza, certo. La serietà, ovvio. Il rigore, sicuro. L’autorevolezza, nemmeno a dirlo. Ma con ogni probabilità pure per la barba. E infatti all’onor del mento è dedicato l’incipit di questo bellissimo libro, un viaggio ricco di aneddoti come lo è di primizie una cornucopia, in cui si incontrano Adorno, Afeltra, Agnelli, Amato, Arbasino, Arpino, Asor Rosa, Bacchelli, Bergson, Berlinguer, Berlusconi, Biagi, Bo, Buzzati, Caracciolo, Craxi, Croce, D’Annunzio, De Benedetti, Eco, Gadda, Gassman, Guttuso, Ingrao, La Malfa, Landolfi, Malaparte, Melega, Montale, Montanelli, Moravia, Nenni, Olivetti, Pannunzio, Pavese, Pratolini, Prodi, Rizzoli, Salvemini, Sanguineti, Sciascia, Scorsese, Soldati, Valli, Zucconi e chi più ne ha più ne metta. Grand Hotel Scalfari – Confessioni libertine su un secolo di carta, Antonio Gnoli, Francesco Merlo, Marsilio: straordinariamente sorprendente, intimo, libero, franco, impeccabile e imperdibile.

Standard
Libri

“Eretici ed eresie medievali”

9788815280527_0_0_300_75.jpgdi Gabriele Ottaviani

I roghi continuavano ad accendersi…

Eretici ed eresie medievali, Grado Giovanni Merlo, Il Mulino. Per eresia si intende qualsivoglia dottrina che va contro l’ortodossia, l’ufficialità, che si propone di sovvertire l’ordine costituito: il medioevo è stato certamente uno dei periodi nei quali i movimenti ereticali sono stati più diffusi, per numerose motivazioni. L’agilissimo e capitale volume di Grado Giovanni Merlo, riedito in quest’occasione con una bellissima copertina, ne tratteggia le caratteristiche fondamentali in maniera semplice, chiara, intelligente, brillante, accurata, interessante, istruttiva: da leggere.

Standard
Libri

“Sillabario dei malintesi”

411Hnc11oFL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

L’avesse visto Gianni Brera, chissà che parole avrebbe inventato.

Sillabario dei malintesi – Storia sentimentale d’Italia in poche parole, Francesco Merlo, MarsilioMonarchia, stile, rotocalco, Marxengels, referendum, sì ma anche no, sotto sotto, (im)broglio, k e complotto, luogo comune, nobilitarsi, malaria, eroi, re a cavallo, Savoia, il re repubblicano, unità, terrone, barbiere, la donna elefante, ingegnere, cemento, casa, tangente, la parolaccia, fogna e grammatica, pannellese, a mia insaputa, rompicoglioni, virgola, ex, femminicidio, adulterio, bis, smog, identità, emozioni e colori, geografia, acqua, luce, trans, periferia, gialli e misteri, tic linguistico, popolo, quo vado?, mafia capitale, buca, (sopra)nomi, capitale morale, il guasto, lucciole, nostalgia, cretinocrazia, processo e palazzo, Francesco, Kafka, musulmano, Lombroso, metafora, Italia-Francia, calcio, Europa 4-3, numeri, matematica, ossimoro, pace, comunismo, verità, Roma 1978, silenzio, trasformismo, vizio e peccato, ridere, malafemmina, Belzebù, celodurismo, cazzoculomerda, Torni a bordo, cazzo!, rottamare, patria, matria: eccoli, i lemmi, i concetti, le locuzioni, le espressioni, le parole che Merlo, capitano di lunghissimo – e onusto di trofei – corso, giornalista a Catania, Milano, Roma, Parigi, al Corriere della sera e a Repubblica, sceglie, usando nel titolo, non certo a caso, il più parisiano fra tutti i vocaboli, per raccontare l’Italia. La sua storia. Le sue bellezze. Le sue storture. Il suo popolo. Le sue idiosincrasie. Le passioni. La politica. Per dipingere con i colori squillanti del costume d’Arlecchino, non a caso una maschera che serve due padroni, il ritratto di un paese dalle mille possibilità e dalle ancor più numerose contraddizioni, sempre uguale a sé medesimo eppure in continuo mutamento, umano, troppo umano, disumano: un viaggio avvincente e densissimo di significato.

Standard