Libri

“L’ultimo sorso”

di Gabriele Ottaviani

Forse aveva nostalgia della sua infanzia…

L’ultimo sorso – Vita di Celio, Mauro Corona, Mondadori. Rocciatore, taglialegna, scalpellino, minatore, apicoltore, uno, nessuno, centomila: chi è Celio non lo sa forse neanche lui e con ogni probabilità nemmeno importa poi tanto, ed è al tempo stesso il ritratto che Mauro Corona, mettendo evidentemente moltissimo di sé, ma del resto ogni opera umana presenta tracce incontrovertibili del suo artefice, tanto che è forse anche poco rilevante e un po’ assurdo chiedersi quanto ci sia di autobiografico in un’opera, rende assolutamente vivido e policromo, multisfaccettato, di un uomo e di un universo. Celio si sente un niente e si rispecchia nel liquido che intorbida il suo bicchiere, ma attraverso la presa di coscienza della sua fragilità ci racconta anche la fragilità di un intero sistema da curare, proteggere e salvare. Da leggere.

Standard