Libri

“Non era neanche il mio tipo”

Copertina_mio_tipo4di Gabriele Ottaviani

Alla fine ero arrivato vivo, anche se comunque gravemente ferito e convalescente, alla fine di marzo, pensavo mentre aspettavo il gruppo cosiddetto di Karpathos davanti al centro Appiani come mi pare lo chiamassero e meditavo sul motivo che impedisce agli architetti di qualsiasi livello, a partire da quelli di paese che costruiscono le piazze, neopeggio le chiamo perché ritengono di dover superare forse l’architettura razionalista già da tempo comunque evidentemente defunta, cercando di sostituirla con suggestioni che immaginavano postmoderne che si riducevano poi a mettere in cima all’edificio un frontone posticcio magari con un buco circolare o semicircolare in cima forse anche chissà volendo inserire reminescenze neobarocche da cui il nome che avevo dato io al fenomeno, ma anche questo qui del centro Appiani, che aveva ricavato da un insieme di edifici nuovi caratterizzati da un rosso che forse voleva non so ricordare le costruzioni di mattoni di secoli antichi una piazza da cui la vita era stata brillantemente espulsa lasciando spazio solo al suo incubo architetturale e per un caso fortuito proprio questa piazza qui era il luogo di incontro dato che anche le piazze metafisiche potevano oggi ospitare una pizzeria come questa nella quale poi abbiamo preso posto tutti insieme mostrandoci a vicenda…

Non era neanche il mio tipo, Carlo Longo, Clown Bianco. Che l’amore è tutto è tutto ciò che ne sappiamo. E quando lo si perde viene davvero voglia, anche se non si fa sera, anche se tra i capelli un po’ d’argento non li colora, di gridare, di rinnegare il cielo, di prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo, di spezzare le ali del destino, sbattere la testa mille volte contro il muro, respirare forte il suo cuscino e compagnia cantante (è proprio il caso di dirlo…). È una sofferenza dell’anima, che si fa profondamente fisica. Mozza il fiato. Come un flusso di coscienza. Ed è proprio questo il torrenziale e fortunato espediente stilistico scelto da Longo per raccontare la vicenda di un uomo che svanisce e dopo un po’ di tempo invia al suo più caro amico, pregandolo di non cercarlo, il manoscritto, straziato ma ironico, come del resto sono le umane sorti, in cui racconta della donna che dopo anni di convivenza lo ha lasciato. E lui, che si sentiva superiore, ora avverte tutto il peso della propria inconsistenza. Da leggere.

Standard
Libri

“Molto mossi gli altri mari”

51NwoSkGctL._SX328_BO1,204,203,200_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Una tempesta si arrampica da sud…

Molto mossi gli altri mari, Francesco Longo, Bollati Boringhieri. Tra la mattina del trentuno di agosto e la sera del primo di settembre l’intervallo di tempo è breve assai, ma se del resto per innamorarsi basta un’ora, come dice una celeberrima canzone (anche meno, in verità, specie se in quel momento della vita sui sentimenti ci si è messa sopra non una pietra, ma direttamente tutta Stonehenge, o almeno questo è quel che ci si racconta…), il fatto che i due estremi del periodo siano prossimi fra loro non è una garanzia del fatto che in quel mentre non possa accadere alcunché di significativo, anzi. Il promontorio, selvaggio e cupo, domina la Baia di Santa Virginia, uno spazio dove, con buona pace dei gabbiani cardarelliani, sembra possibile che possano nidificare solo il rimpianto e l’attesa. Delle onde. E dell’amore. Vagheggiato, temuto, respinto, soffocato, perso, ritrovato, ruggente e sfuggente… Personaggi, situazioni e ambienti sono caratterizzati con efficacia e grazia, crescere è una impervia e illuminante scalata durante la quale ci si ferisce e ci si disinfetta con acqua e sale, la prosa è empatica e potente: da non perdere.

Standard
Libri

“La politica estera italiana nel nuovo millennio”

71OYOUKKjRL._AC_UL436_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Quanto sta succedendo a Ventimiglia e in altre città dev’essere di monito anche per noi.

La politica estera italiana nel nuovo millennio, Pierangelo Isernia, Francesca Longo, Il Mulino. L’Italia è una delle grandi potenze internazionali, un ruolo che evidentemente presenta delle criticità e delle responsabilità, per quel che concerne ogni ordine e grado: in generale in una società come la nostra, sempre più globale e globalizzata, le relazioni internazionali rivestono un ruolo di primaria rilevanza. In che direzione da questo punto di vista sta andando il nostro paese, primo approdo per migliaia di disperati che migrano, come del resto abbiamo fatto per anni, lustri e decenni anche noi, in cerca di un futuro? Il volume risponde a queste domande, e non solo: chiaro, denso, esaustivo. Da leggere.

Standard
Libri

“L’altra madre”

download (1).jpgdi Gabriele Ottaviani

La madre di Genny sta imbastendo i pantaloni che ha portato Mirella. Sul fuoco stanno le zucchine a cuocere. Che stasera, per il figlio, ci vuole preparare pasta e cucuzzielli. Oggi va un poco meglio. Manco ha tenuto bisogno dell’ossigeno. A un certo punto, nel mentre che lavora, bussano al citofono. E sarà Genny. La chiave la tiene, non c’è bisogno che mi alzo. Però bussano ancora. E si sarà scordato la chiave. Posa il pantalone e va a rispondere. «Chi è?». «Buonasera» dice una voce aggarbata di donna. «Cercavo Genny». «Non è tornato ancora. Voi chi siete?». Niente. Nessuno risponde.

L’altra madre, Andrej Longo, Adelphi. Via Toledo è una nota strada di Napoli. Lì vicino c’è un bar. Ci lavora Genny. Che ha sedici anni. Gira spesso in motorino. Vuole farsi notare. Gli piacciono le ragazze. Tania ha quindici anni. Va a scuola. Le piace il rosa. Le stelle. I bastoncini di pesce. La madre di Genny è giovane. Ma sembra vecchia, erosa dalla vita come uno scoglio dal mare. Ha il volto segnato. Fa le carte. I tarocchi. Gli orli ai pantaloni. Un lavoro duro, faticoso. Per pochi, pochissimi soldi. E certe volte le manca il fiato, e allora si attacca all’ossigeno. Fa quel che può, quel che non può, non fa. La madre di Tania fa la poliziotta. È stata ferita. Non ha il grilletto difficile. Un giorno, al Vomero, Genny e Tania si incontrano. Ma non finisce bene. E… Potente come un tuono, sensazionale, tragico, solenne, travolgente, emozionante, vibrante, credibile, doloroso, scabro, amaro, necessario.

Standard