Libri

“L’idioma di Casilda Moreira”

71YqV7CMrwL._AC_UL436_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Alma le chiese se era bello il fidanzato di cui si era innamorata…

L’idioma di Casilda Moreira, Adrián N. Bravi, Exorma. Bartolo e Casilda da giovani si sono amati. Poi hanno litigato. E da allora non si parlano più. Il problema è che sono gli unici custodi di una lingua che senza di loro è persa. Per sempre. In particolare per uno studioso di etnolinguistica come il professor Montefiori questa vicenda incredibilmente suggestiva che affonda le sue radici in un remoto angolo di mondo fra la Patagonia e la pampa non può non diventare una vera e propria ossessione, tanto che un suo allievo, Annibale, decide di imbarcarsi nell’impresa di raggiungere il remoto villaggio di Kahualkan, cercare i due indios, trovarli, farli mettere insieme e registrare, perché se ne possa custodire memoria e testimonianza, una conversazione in quell’idioma ancestrale. La voce di Bravi, argentino che vive a Recanati ed è bibliotecario presso l’università di Macerata, è colta, caleidoscopica, polifonica, stentorea, sublime, magnifica, e tra realismo magico e scienza dà alle stampe un raffinatissimo gioiello geniale che brilla di mille riverberi: impeccabile e imperdibile.

Standard