Libri

“Le professoresse meccaniche e altre storie di scuola”

81unB2I-hwL._AC_UL436_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Ormai il dolce mantello della notte era sceso sul mondo e sulla scuola…

Le professoresse meccaniche e altre storie di scuola, Alfonso Lentini, Graphofeel. Sono secoli che c’è la guerra. L’esistenza è un continuo sciabordio di violente insensatezze. Le bombe cadono, e uccidono tre professoresse. Sostituite in fretta e furia da tre docenti meccaniche, fabbricate in un attimo, mentre un professore si perde nei corridoi dell’istituto in cui lavora e cercando disperatamente di ritrovare la retta via si imbatte nell’impensabile. E poi esistono edifici in miniatura e altri simmetrici, materie assurde (sì, persino più del latino in inglese che si fa in certi classici che vogliono darsi un tono col programma Cambridge, portato avanti rigorosamente da docenti niente affatto madrelingua…), insegnanti volanti e alate e sexy bidelle, e… Si sa, il mondo della scuola, specialmente in Italia, è la quintessenza del paradosso escheriano, una parentesi di eterna attesa per un Godot – ma basterebbe anche un preside capace di interessarsi più alla cultura che alla burocrazia, di tanto in tanto… – che, avendo assai di meglio da fare, non ha la benché minima intenzione di palesarsi, e lo ha anche detto e ripetuto, solo che nulla è più rassicurante di una pia illusione coltivata con cura in orario di ricevimento: così… Geniale, divertente, lieve ma tutt’altro che superficiale.

Standard