Libri

“L’enigma di Finkler”

51IMu6WJNZL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Sono timido, la vivacità mi mette a disagio.

L’enigma di Finkler, Howard Jacobson, La nave di Teseo, traduzione di Milena Zemira Ciccimarra. Con inoltre il corredo di un interessante, importante, ampio, approfondito e ben fatto glossario dei termini del lessico di formazione semita utilizzati nel testo e che caratterizzano e punteggiano in maniera significativa la narrazione. Julian è bello e inconcludente, Sam, suo amico/rivale dai tempi della scuola, è carismatico, deciso, determinato, risoluto. Julian è incostante, incapace di condurre a compimento qualsiasi progetto, in particolare in ambito sentimentale, è incline all’indolenza e al pessimismo, al vittimismo e alla fragilità, Sam è un filosofo, è pop e popolare, è autore di libri di incredibile successo, è per Julian il prototipo dell’ebreo come pensa che si dovrebbe essere, e in seguito a un evento traumatico ne diverrà il modello di comportamento, ma… Jacobson è un grande autore, e questo romanzo di respiro solenne che indaga l’animo umano nella sua molteplicità lo dimostra.

Standard