Libri

“Le regole non valgono”

41w53+T55KL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Non voleva che per me il bambino fosse più importante di lei.

Le regole non valgono, Ariel Levy, Bompiani. Traduzione di Claudia Durastanti. Prima c’è un’esistenza normale, ispirata al sacro principio dell’autodeterminazione, contro quelle regole che vengono percepite come mere tradizioni svuotate di ogni primigenio significato dal perbenismo che le ha determinate, di farsi artefici del proprio destino. Poi non c’è più nulla. Tutto esplode, si disfa, si sgretola, svanisce, crolla, scompare. E non resta più nulla. Se non una nuova consapevolezza. Legata al fatto che non tutto si può dominare, controllare, decidere, programmare, fissare, stabilire. Esistono cose che sfuggono alle categorie, sensazioni che non hanno un nome, eppure esistono. Ariel Levy, bellissima e bravissima, in pochi mesi perde il figlio che porta in grembo, la moglie che precipita nel gorgo dell’alcolismo e la casa. E ha anche una relazione extraconiugale. Eppure, appunto, se ci sono, come ci sono, cose che volano, esistono anche cose che restano, punti di riferimento da cui ripartire. Intenso e dall’apparenza davvero sincera, Le regole non valgono è un memoir tenero e duro insieme, dolceamaro ed emozionante.

Standard