Libri

“L’amore malato”

di Gabriele Ottaviani

E rivedi questa scena bestiale, brutale, ma coniugale.

L’amore malato, Amélie Cordonnier, Gremese, traduzione di Maria Stella Tataranni. Le parole non lasciano segni visibili, ma fanno male, eccome. La protagonista di questa storia è la vittima incolpevole della violenza verbale del suo compagno di vita, che dice di amarla ma non può fare a meno di renderla bersaglio, dinnanzi a chiunque, in primo luogo i suoi figli, di un’inaudita sequela di contumelie che senza motivo e per mera cattiveria ne minano l’autostima, la sicurezza, l’autorevolezza. Lei, però, ha ancora molto da dare e da vivere, non può, non deve, non vuole arrendersi, e la sua storia ha il ritmo tambureggiante di una incalzante e forsennata corsa verso la liberazione, e al tempo stesso la poesia di un diario fatto di confidenze e travolgenti rivelazioni: da non perdere.

Standard