Libri

“La politica raccontata ai ragazzi”

di Gabriele Ottaviani

L’unico modo certo per non realizzare i propri obiettivi è non provare nemmeno a perseguirli…

La politica raccontata ai ragazzi, Giuliano Pisapia, Lia Quartapelle, De Agostini. Il sottotitolo dice già tutto: Perché può essere bella, perché puoi farla anche tu! Verrebbe da dire, però, in realtà, perché deve essere bella. Perché devi farla anche tu. Perché i diritti prevedono i doveri. Perché tutto è un atto politico. Essere educati. Fare il proprio dovere. Essere rispettosi, di sé e degli altri. Fare coming out. Mettere sul davanzale una pianta, che pulisce l’aria per tutti e non le interessa se sei alto, basso, grasso, magro, ricco, povero. La politica è l’arte, nell’accezione più elevata di questo già nobilissimo termine, del bene comune. Sovente però è un coacervo di interessi personali e meschini. Ma si può cambiare. Si deve. E il compito è dei nuovi cittadini. Dei nuovi votanti. Dei giovani. Che devono aver chiaro da subito che non devono disperare, la possibilità c’è per rendere il mondo più simile all’idea che se ne ha e che se ne spera. Giuliano Pisapia, un mandato come sindaco di Milano per il centrosinistra, e Lia Quartapelle, ricercatrice all’istituto per gli studi di politica internazionale, deputata e non solo, scrivono un bel libro, rivolto a tutti.

Standard