Libri

“La pazzia di Dio”

81XiNZgNARL._AC_UY218_ML3_di Gabriele Ottaviani

Io e Polpetta ci teniamo fuori dal suo giro…

La pazzia di Dio – La generazione della grande guerra, Luigi De Pascalis, La lepre edizioni. L’uomo è folle, si sa, è evidente, i suoi comportamenti spesso sono incredibilmente, incomprensibilmente, immotivatamente e incommensurabilmente feroci, ma anche i disegni di Dio, va detto, in molte occasioni sono talmente imperscrutabili che comunque, quand’anche si possegga la fede più incrollabile, è davvero difficile non rimanere interdetti e sgomenti. La scuola di Francoforte si è a lungo domandata se fosse addirittura legittimo o meno continuare a parlare di bellezza dopo la Shoah, ed è impossibile non chiedersi dove sia Dio, che è per definizione onnipotente, e dunque potrebbe evitare il male gratuito, se volesse, ogniqualvolta ci si imbatte nelle lacrime di un bambino: nei primi decenni del secolo ventesimo i fiori più profumati di un’intera generazione sono stati recisi dalla grande guerra e dall’epidemia di spagnola, ed è un massacro che ancor oggi lascia attoniti. È di questo che parla, con sopraffina eleganza, De Pascalis con la sua saga familiare in cui alla storia individuale fa da contraltare e corrispondenza quella collettiva, con l’iniziale maiuscola: magistrale.

Standard