Libri

“La guerra per il Mezzogiorno”

818zYYg1OGL._AC_UY218_ML3_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Le autorità reagirono sempre con fermezza contro i religiosi che sostenevano i briganti…

La guerra per il Mezzogiorno – Italiani, borbonici e briganti 1860-1870, Carmine Pinto, Laterza. È terra di conquista pressoché dalla notte dei tempi, e i governanti che si sono avvicendati al potere in quelle terre benedette dalla presenza di molte risorse si sono ben guardate dallo sfruttarle in modo che la ricchezza potesse essere condivisa e ridistribuita: quando poi Garibaldi ne fa dono ai Savoia, per certi versi è l’inizio della fine. La dinastia che infatti ha avuto il grandissimo merito di unire un paese nato diviso esporta i suoi usi e costumi senza tenere conto delle specificità territoriali, e non ci vuole molto perché cominci a serpeggiare la sensazione di essere stati nuovamente truffati, nonché di essere semplicemente passati di mano, da un padrone a un altro: il brigantaggio, per certi versi, è stato dunque anche espressione di un anelito di libertà e autodeterminazione, e Pinto lo racconta in un testo dotto, ricco, leggibile, istruttivo.

Standard