Libri

“La capobanda”

51rM66TTWFL._SX390_BO1,204,203,200_.jpgdi Gabriele Ottaviani

L’avvocato si mette subito in moto e porta le fotografie alla Polizia. È difficile per lui spiegare come ne è entrato in possesso. Inventa una storia complicata della figlia di un’amica che, passando la serata a casa di Vittorio insieme ad altri compagni e cercando di accendere il caminetto, ha scoperto il nascondiglio segreto. In quel momento Vittorio e gli altri erano in cucina a ubriacarsi. Trovati i gioielli e il coltello, la ragazza ha deciso di scattare delle fotografie e le ha portate alla madre che si è rivolta a lui. Gli agenti lo guardano scettici, certo è una storia un po’ complicata ma l’importante è avere le fotografie con la refurtiva e il coltello insanguinato. Chiedono il permesso al magistrato, con le nuove prove, di effettuare un nuovo sopralluogo a casa di Vittorio in sua assenza. Questa volta con la Scientifica. Trovati i gioielli e il coltello lo arrestano. Ci vuole poco perché il ragazzo, sperando in uno sconto di pena, confessi che a chiedergli di uccidere la madre è stato Simone.

La capobanda, Cinzia Tani, Lisciani libri. Tutti abbiamo le nostre paure, le nostre fragilità, le nostre ossessioni, tutti siamo in balia del dolore, tutti vorremmo solo, ogni tanto, un abbraccio caldo, tutti siamo terrorizzati dalla sofferenza, tutti possiamo essere vittima del bullismo, della prevaricazione, della prepotenza, dell’ingiustizia: tutti, al tempo stesso, abbiamo in verità insospettabili risorse per reagire. Cinzia Tani tesse con abile e profonda freschezza una storia densa e importante, ricca di livelli di lettura e chiavi d’interpretazione, rivolta a tutti, adatta a ognuno, formativa per chiunque. Da non perdere.

Standard