Libri

“Isole di Lu'”

di Gabriele Ottaviani

Se Edoardo era sparito fisicamente, lui si era dissolto moralmente. Cancellati i suoi gusti, i suoi pregiudizi, frantumate le lenti attraverso cui aveva guardato il mondo. Evaporati i fumi dell’alcol in cui si era rifugiato, adesso gli rimaneva solo la devastazione del campo, il giorno dopo la battaglia. Era bella quella casa accanto al teatro, in cima alla scalinata, sotto le mura di Cosimo, davanti alla familiarità del mare. Era bello starsene in cucina sotto l’ombra del coccodrillo, che lui immaginò essere triste non perché nato di plastica, ma piuttosto perché si ritrovava impiccato alla trave del soffitto. Era piacevole quell’atmosfera domestica nata da un’accozzaglia imprevedibile di oggetti, che prendevano vita grazie all’immaginazione di quella ragazza colorata. L’uomo delle balene avvertiva che tutto ciò poteva essere un punto di partenza, una porta spalancata su una nuova interpretazione del mondo. Se la casa di Lu’ era così accogliente, chissà come lo sarebbe stato il suo corpo, morbido e profumato di agrumi, come sarebbe stato fantasioso il suo modo di toccare e di amare. Finalmente lui avrebbe potuto vedere il compimento del ballo che accennava a ogni suo passo, l’esplosione della sinfonia che si portava dentro. Ma questo apparteneva ancora alla sfera delle possibilità future, e forse remote. Quella sera lui avvertiva lo slancio istintivo del suo corpo verso di lei, ma si sentiva impigliato in una tela invisibile di incognite. Era troppo rischioso lasciarsi completamente nelle sue mani e farsi ridefinire da capo. Avrebbe potuto fare la fine del coccodrillo impiccato. Prima di poterle dire qualcosa, aveva bisogno di organizzare una serrata caccia all’uomo, per ritrovare se stesso.

Isole di Lu’, Elena Maestrini, Il Foglio. Il lavoro del giornalista, almeno in teoria, salvo che non ci si accontenti di non creare problemi al potente di turno e di arrivare minuto dopo minuto sempre più vicino al giorno di paga, ha come obiettivo la ricerca e la trasmissione della verità. E Lu’, che è caparbia e brillante, e che invece prende assai sul serio la sua missione, vuole vederci chiaro: c’è qualcosa che non va, un’ombra inquietante dietro i crolli sempre più frequenti che minano la storia e la bellezza di Cosmopoli, il centro storico di Portoferraio, la città ideale medicea nello splendore dell’Elba, e non solo. Sarebbe impossibile però compiere una tale impresa da sola: anche perché pure lei, come tutti, a sua volta ha bisogno di qualcuno che la salvi, e nel momento in cui lo incontra, ogni cosa è da una nuova luce illuminata. Intenso, potente, elegante.

Standard