Libri

“Io e lei”

download (3).jpgdi Gabriele Ottaviani

Il bello di parlare con voi, aprirvi la mia animula vagula blandula, raccontarvi i fatti miei che non l’ho mai fatto con nessuno, è che voi non capite un cazzo e non sareste in grado di ripeterli ad altri mentecatti.

Io e lei – Confessioni della sclerosi multipla, Fiamma Satta, Mondadori. Fiamma Satta è una donna intelligente, brillante, ironica, capace, energica, vitale, che trasmette innata e immediata simpatia e suscita da subito ammirazione, anche a chi non la conosce personalmente ma solo attraverso le sue opere. La sua voce, mai pedissequa, banale, eco d’un coro vacuo, è una delle più note, da anni si spande per le frequenze radiofoniche nazionali e non solo. In ogni sua parola, sia essa scritta che pronunciata, si riverbera e moltiplica, frammentandosi in mille faville che raggiungono ogni punto del visibile, la luce dell’acume. È scrittrice e giornalista, per le più prestigiose testate. È romana. È notoriamente diversamente affabile. Ha la sclerosi multipla. Che è la protagonista del suo libro. Un’opera potente, vibrante, destabilizzante, per la quale non viene in mente altra parola che non sia stupefazione. Ovvero, come recita il vocabolario, il suscitamento di un’attonita meraviglia che quasi disorienta. Io e lei pare, cambiando quel che dev’essere cambiando, Le lacrime amare di Petra von Kant: è la storia di una relazione tra due personaggi femminili che sbattono l’un contro l’altra come falene addosso alla lampada accesa. Che è simbolo di coscienza, autodeterminazione, dignità. Una è sboccata, irosa, corrosiva come acido, ingombrante, egoriferita, malmostosa, superba: si crede chissà chi, guarda tutti dall’alto in basso e tratta tutti male, in primo luogo i lettori, uditorio miserrimo – così li chiama – cui concede l’infinita grazia, per cui ritiene le dovrebbero riconoscenza, di abbassarsi a tal punto al loro livello da confidarsi. Già il nome non promette bene: è, per l’appunto, la Sclerosi Multipla. La carnefice. Che ha una vittima preferita: la Miagentileospite. È dentro di lei. Sempre. Sempre di più. La disprezza con tutte le sue forze. Tutto, fra loro, è opposto: eppure, eraclitianamente, non esiste contrario che non si leghi a ciò che rappresenta quel che non è. Non si può conoscere il bene senza aver esperienza del male, non si capisce cosa sia la salute se non si ha idea della malattia. E Fiamma Satta scrive un’autobiografia – ma è riduttivo chiamare così questo libro che rifugge le classificazioni tassonomiche di genere, schemi che in fondo sempre e comunque lasciano il tempo che trovano, e che costituiscono solo una scomoda comodità, che rassicura e fa impigrire come tutte le abitudini – che si muove su più livelli, finché… Da non perdere. Fa riflettere sul senso stesso della vita.

Standard
Cinema

“Io e lei”

_MG_8457di Gabriele Ottaviani

Federica lavora in uno studio di architettura. Marina è un’ex attrice ora nel campo della ristorazione. Si amano da anni. Sono una coppia stabile. Forse. Perché l’amore è come la più tenera delle pianticelle, ha bisogno di cure costanti. E soprattutto è uguale per tutti, che si amino persone di sesso uguale o diverso rispetto a quello cui si appartiene. Maria Sole Tognazzi dirige e, insieme ai fidi Ivan Cotroneo e Francesca Marciano, due autori che non hanno bisogno di presentazioni, scrive assai bene una commedia piacevolissima, fresca, lieve ma non superficiale e sovente esilarante, Io e lei. Semplice e non retorica sin dal titolo, funziona pressoché in ogni aspetto, dal cast alle musiche e a tutto il resto, ma ha in particolare un pregio fantastico: chi l’ha fatta conosce la realtà. Il quotidiano. Parla di cose che sa. Non come altri… Ognuno che la vedrà, probabilmente, che sia o sia stato in coppia, penserà di essere stato vittima di una qualche intercettazione, dirà che gli hanno copiato le battute, riconoscerà almeno in parte la sua vita. Le scaramucce. Le liti. Le riconciliazioni. Le piccole o grandi gelosie. I dubbi. I capricci. I turbamenti. Le incomprensioni. Gli scherzi. Le risate. Tutto questo, e molto altro. C’è chi si rivedrà più nel personaggio interpretato da Sabrina Ferilli, come chi scrive, e chi in quello di Margherita Buy. E l’altra sua metà, forse, dirà il contrario. Così è la vita. Così è l’amore. Davanti al quale siamo tutti uguali, messi a nudo dal battito del cuore.

Standard