Libri

“Storia critica della televisione italiana”

811ky3Q4m4L._AC_UY218_di Gabriele Ottaviani

Tratto dal format argentino Caiga quien caiga («A chi tocca tocca»), il 22 settembre alle 14 (poi in seconda serata, alle 23.15 del giovedì, dal 30 novembre) arriva su Italia 1 Le iene, guidate da Simona Ventura. Accanto alla showgirl, ci sono Dario Cassini e Peppe Quintale (poi Fabio Volo e Andrea Pellizzari), oltre a vari inviati, tutti rigorosamente vestiti come i Blues Brothers. Ma all’inizio della loro storia le iene non graffiano, non mordono, accarezzano. Dall’appuntamento quotidiano alla seconda serata, cambiano faccia. Entrano nel mondo del calcio e prima delle partite fanno compiere ai giocatori gesti scaramantici, regalando la maglietta delle iene («Le iene portano bene»), e le squadre, alcune, iniziano a vincere; e allora dirigenti, presidenti, allenatori contattano la redazione. Enrico Lucci si apposta vicino a un marciapiede e intervista il cliente di una prostituta albanese: «Cosa ne pensa della presenza degli albanesi in Italia?»; risposta: «Le prostitute albanesi in Italia non dovrebbero nemmeno farle entrare», in un’inchiesta più giornalistica di quelle dei giornali. Sempre Lucci riesce a entrare nell’ambasciata turca ai tempi di Ocalan, a parlare con l’ambasciatore e a farlo brindare con tarallucci e vino. Il mago Berry si introduce nel nuovo aeroporto di Malpensa in una valigia. Poi è la volta delle interviste contro il galateo: il cronista finge di sistemare i capelli al malcapitato, gli asciuga il sudore della fronte, gli toglie la forfora dalla giacca. E la conduttrice Simona Ventura provoca le sue iene, le stimola a scovare i paradossi italiani, a continuare a nutrirsi di «carogne». Nelle prime edizioni le iene sono Cassini, Berry, Quintale, Pellizzari, Volo, Fabio Canino, Lucci, Teo Mammucari, Lillo e Greg; ma è solo l’inizio, molte si aggiungeranno in corsa, esordienti o recuperate da altre carriere. Il programma firmato dall’autore Davide Parenti è un lavoro di squadra, e così si spiega una formidabile tenuta nel tempo, accumulando stagioni e moltiplicando le edizioni fino a ottenere due prime serate della rete, generando tormentoni e ipotizzando spin-off. Dal 2001 conduce Alessia Marcuzzi, con Luca e Paolo; poi tocca a Cristina Chiabotto e dal 2007 a Ilary Blasi (accompagnata ancora da Luca e Paolo, da Fabio De Luigi, da Enrico Brignano, da Luca Argentero, Alessandro Gassman e Claudio Amendola, da Teo Mammucari; e ancora si aggiungono Pif e Nadia Toffa (lanciati proprio dal programma), Miriam Leone, Geppi Cucciari, Frank Matano (anche lui «iena»), Giampaolo Morelli, Giulio Golia, Matteo Viviani, e altri ancora. Il programma genera dibattito: da un lato, è premiato e riverito perché si fa carico di inchieste scottanti, affronta temi di rilievo, pone l’attenzione su aspetti che il giornalismo televisivo ufficiale sembra dimenticare; dall’altro, la facilità di accusa e l’insistenza su temi quantomeno controversi (come il caso Stamina o quello Xylella) hanno rischiato di legittimare posizioni antiscientifiche e complottiste. Ai temi importanti si alterna il cazzeggio, con sfottò, scherzi in candid camera, tormentoni e altri espedienti.

Aldo Grasso, Storia critica della televisione italiana, Il saggiatore. Con la collaborazione di Luca Barra e Cecilia Penati. Monumentale opera in tre volumi, come per il cinema il Mereghetti o il Morandini questo è il dizionario, non del grande bensì del piccolo schermo, quell’elettrodomestico che ha fatto e, per vie traverse, con alterne fortune, in modi diversi, ancora oggi, nonostante non sia più una novità, ma anzi mostri i segni del tempo e di una certa, seppur venusta, vetustà, fa la storia del costume, del linguaggio, del racconto dello spirito del tempo, della società. Il più noto e celebrato critico italiano parte dagli albori del tubo catodico per giungere ai giorni nostri, e con mano sicura ci fa da sapiente cicerone: da leggere.

Standard
Libri

“Me pudet”

6275di Gabriele Ottaviani

Di lato rimiro l’intonsa corolla

dell’inguine ignavo.

Me pudet – Poesie 1994 – 2017, Silvana Grasso, ETS, edizione critica a cura di Gandolfo Cascio, che si occupa anche della postfazione su tutto il canzoniere della poetessa, di cui sono riportati oltre cinquanta componimenti, dai titoli di volta in volta classicheggianti (si pensi a quello che dà il nome alla raccolta, espressione canonica di uno dei cinque verbi assolutamente impersonali del latino, quello che dà voce al senso della verecondia, della vergogna), icastici, potentissimi, permeati di panica sensualità e gravidi di un dolore che non resta sterile vaniloquio, lamento, doglianza, ma si fa faconda e feconda espressione del senso completo dell’esistenza. Da leggere e rileggere.

Standard
Libri

“Il caso Kaufmann”

41nfZ4Zpe9L.jpgdi Gabriele Ottaviani

Volevo solo sincerarmi che non le avessero tagliato la lingua da piccolo…

Il caso Kaufmann, Giovanni Grasso, Rizzoli. Nel millenovecentotrentatré Lehman Kaufmann riceve una lettera. È quella del suo migliore amico. Gli chiede aiuto. Lui è un commerciante ebreo, agiato e stimato. Ha sessant’anni. La ragazza ne ha venti, si chiama Irene e ha bisogno di aiuto per integrarsi a Norimberga. Solo che è ariana. E pian piano l’odio inculcato nella società fa presa anche nei rapporti umani diretti e personali, fatti anche di fiammeggiante desiderio, tanto che… Ispirandosi a una storia vera Grasso scrive un romanzo appassionante, coinvolgente e trascinante che fa riflettere, e non lo si fa mai abbastanza, sul potere mefitico e mefistofelico dell’odio, che distrugge, avvelena e rende sterile ogni cosa.

Standard
Libri

“Solo se c’è la Luna”

3172622-1di Gabriele Ottaviani

Anche di questo aveva parlato alla Luna, sicura come sempre che fosse la Madonna.

Solo se c’è la Luna, Silvana Grasso, Marsilio. Gerri è un nome americano. Almeno così vorrebbe essere e suonare. Quello vero è Girolamo. Che certo non può passare per ungherese, francese o altoatesino. E infatti siciliano è, Girolamo. E nell’isola dalla forma triangolare ritorna, facendo il percorso inverso rispetto a quello più canonico. Perché lui l’America l’ha trovata, e vuole diventare ricco nella terra che gli ha dato i natali. Una terra in cui ancora si fa il bucato con la cenere, mentre lui mette su una fabbrica di sapone. Ha una figlia fragile, troppo sensibile alla luce, costretta a vivere al buio, che studia e legge finché non la coglie di soprassalto l’ondata della pubertà, e allora non desidera che un amore vero. Non sa però, la fanciulla, di essere a sua volta oggetto di una brama che come un fuoco incendia le viscere di qualcuno a lei molto vicino… Prepotentemente sensuale, scritto in maniera magnifica, con ritmo cinematografico e una caratterizzazione dei personaggi e delle situazioni pressoché perfetta, è da non lasciarsi sfuggire.

Standard