Libri

“Fu sera e fu mattina”

di Gabriele Ottaviani

Questo non è il tribunale del re dei Franchi…

Fu sera e fu mattina, Ken Follett, Mondadori. Traduzione di Annamaria Raffo. Scrittore dalla vena felice e prolifica, comparso di recente anche sul piccolo schermo italiano come ospite di Fabio Fazio, a cui non ha mancato di dichiarare apertamente fra l’altro quanto non gli paia che Boris Johnson sia a tutti gli effetti il migliore statista che si possa immaginare, Ken Follett, per cui oggettivamente sembra essere stata coniata la locuzione best seller, torna in libreria con una storia che certamente renderà lieti tutti i suoi appassionati lettori, ambientata in quella che un tempo era stata la fiorente Britannia romana e che, dopo secoli bui, o cosiddetti tali, parrebbe essere sul punto di tornare agli antichi fasti. Ma sarà vero quel che si dice, ossia mille e non più mille? Da non perdere.

Standard
Libri

“La colonna di fuoco”

51XAx6sEb7L._SY346_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Gilbert Gifford sembrava innocuo, ma era un’impressione ingannevole…

La colonna di fuoco, Ken Follett, Mondadori, traduzione di Annamaria Raffo e Roberta Scarabelli. Ken Follett (I pilastri della terra, Mondo senza fine, La caduta dei giganti, L’inverno del mondo, I giorni dell’eternità, Il pianeta dei bruchi, Il mistero degli studi Kellerman, Alta finanza, Lo scandalo Modigliani, La cruna dell’ago, Triplo, Il codice Rebecca, L’uomo di Pietroburgo, Sulle ali delle aquile, Un letto di leoni, Notte sull’acqua, Una fortuna pericolosa, Un luogo chiamato libertà, Il terzo gemello, Il martello dell’Eden, Codice a zero, Le gazze ladre, Il volo del calabrone, Nel bianco) non ha bisogno di presentazioni: i suoi poderosi e ponderosi volumi, molto spesso oggetto anche di varie e variegate trasposizioni filmiche, sono da decenni ormai in assoluto fra i più venduti al mondo. La saga di Kingsbridge arriva ora al terzo capitolo: è il gennaio del millecinquecentocinquantotto, e il mondo sta per cambiare. Tutto è diverso, eccezion fatta per la vecchia cattedrale, che si staglia nel panorama di una città devastata dal conflitto religioso, e in cui tutti i valori cosiddetti tradizionali sono stati abbandonati. Ned Willard, figlio di un ricco mercante protestante, vuole sposare l’amata Margery, il cui padre è il sindaco. Cattolico. Uno di quei casi in cui si direbbe che l’amore non basta, insomma. E infatti Ned deve abbandonare Kingsbridge, in cui è appena tornato, e viene ingaggiato da Sir William Cecil, il consigliere di Elisabetta Tudor, che quando, il diciassette di novembre, viene eletta regina, con grande gioia del popolo che amava assai poco Maria la Sanguinaria, è bersaglio degli strali di tutti i cattolici d’Europa, da Maria Stuarda in giù. Il che la porta a dare vita a un vero e proprio servizio segreto… Ambientato nel passato ma assolutamente contemporaneo, ha un ritmo vibrante, una costruzione raffinatissima, una fluidità impeccabile. Per tutti gli appassionati, un vero e proprio dono.

Standard