Libri

“Finzioni di poesia”

Backup_di_copertina montanari.cdrdi Gabriele Ottaviani

Un abbraccio svela tutto…

Finzioni di poesia, Giorgio Montanari, Bertoni. Quasi cinquanta poesie – ma vi sono anche un paio di prose liriche, in cui il flusso della coscienza si articola e si sviluppa in mille rivoli, come quelli della foce a delta d’un grande fiume – e una postfazione a cura dell’amico, sin dai tempi della scuola, Rocco Rosignoli compongono l’intensa, intima, raffinata e universale raccolta, d’ampio respiro e curata anche a livello metrico e formale, che si apre con una bella e semplice dedica e con la citazione della definizione della parola finzione, di Giorgio Montanari, che indaga l’anima e la molteplicità dell’essere e del divenire, della naturale e inesorabile fragilità della condizione umana e della ricerca di ognuno non solo di un posto nel mondo, ma di un amore che salvi e che, come la scrittura, si manifesti allo stesso modo di una necessità. Da leggere.

Standard