Libri

“Facciamo come possiamo”

Facciamo come possiamodi Gabriele Ottaviani

Mentre l’esame procedeva qualcosa non andava. Il medico si fermò un paio di volte ripetendo la manovra. Un sensore non trasmetteva. Provò a toccare tutti i sensori per vedere se aderissero. Tutti erano perfettamente aderenti. Spense e riaccese l’apparecchio ma nulla. Uno faceva le bizze, sembrava un falso contatto. Il segnale arrivava ad intermittenza. Germano si accorse della cosa e provò a chiedere cosa stesse accadendo. A seguito della sua discesa violenta dal lettino uno dei cavetti si era strappato dal pannello. Nel riposizionarlo forse si era deformato e la trasmissione non era continua. Il medico spiegò la cosa ai due indicando uno spinotto strozzato, e concluse «…e adesso come facciamo?»

Facciamo come possiamo, Andrea Tirelli, FogliodiVia. Ama definirsi frate de-scrittore anziché autore Andrea Tirelli, che ha una sensibilità densa e piena e una voce narrativa delicata e sonora: questa sua nuova prova narrativa, che come sempre lo aiuta a devolvere in beneficenza, per sostenere la costituzione di un fondo di nanocredito a favore di soggetti non bancabili noto come Ti presto fiducia, somme di rilievo, racconta con intensità una vicenda simbolica della condizione umana, che solo nell’incontro con l’altro riesce a trovare senso e pienezza. Germano ha quarant’anni, è un vigile del fuoco, è disilluso, nessuno tra coloro che lo circondano, moglie compresa, riesce a capire come mai sia così inaridito, quasi stanco della vita. Costretto a fermarsi, in ospedale incontra un bambino. Luca, otto anni, che ne ha già passate tante, troppe. E tutto muta. Da non perdere per nessuna ragione.

 

Standard