Libri

“Enjoy Sarajevo”

51dE4VBrWvL._AC_US218_di Gabriele Ottaviani

Io correvo davanti al mio destino, e credevo di essere troppo veloce anche per la morte.

Enjoy Sarajevo, Michele Gambino, Fandango. Michele non è più quello di un tempo. Una volta erano ideali nobili a muovere le sue azioni, adesso è avvitato su di sé, chiuso a riccio, deluso e disilluso, cinico. Fa il suo lavoro, ma non è più un giornalista di splendide speranze, volitivo, determinato, appassionato. Fa l’autore in tv, per un programma pomeridiano. Ma poi nella sua esistenza riappare Amos. Amos Profeti. Un mercenario. Che lo riporta indietro nel tempo, e in un altrove. Quello della guerra nei Balcani. Amos è un irresistibile pericolo, un male necessario, sa dove colpire perché il dolore sia più lancinante, e Michele si riscopre di nuovo fragilissimo, in balia degli eventi, costretto a scelte estreme, obbligato al male per raggiungere il bene e la giustizia attraverso una zona grigia fatta di conti da chiudere definitivamente, perché il passato è semplicemente trascorso, non significa che non esista più, né che non sia mai esistito o non continui a influenzare la vita. Travolgente, intenso, ricchissimo di livelli e chiavi di lettura e di interpretazione, caleidoscopico, umanissimo, caratterizzato fin nel minimo dettaglio, sia per quel che concerne gli ambienti che, soprattutto, la raffinata psicologia dei personaggi: da non perdere.

Annunci
Standard