Libri

“Enigmi e dintorni”

31k0zuSvdUL._AC_UL436_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Nonostante le raccomandazioni di Giovan Battista Palatino contenute nel suo trattatello sulle cifre e sull’arte di comporre rebus, questo genere nei secoli scorsi continuò ad abbondare di lettere e addirittura non furono rari gli esempi costituiti da soli caratteri alfabetici, se mai trascritti in forme particolari e bizzarre…

Enigmi e dintorni, Raffaele Aragona, In riga. Ingegnere, esperto in tecnica delle costruzioni, ideatore e promotore di Caprienigma, giornalista pubblicista, autore di numerosi volumi, tra i fondatori dell’Oplepo, opificio di letteratura potenziale (esiste anche l’Oplepiana – Dizionario di letteratura potenziale, edito da Zanichelli), sa, come anche intellettuali finissimi del calibro di Queneau, Eco, Dossena, Bartezzaghi, Kierkia, Rossi, Peres, Calvino e tanti altri, che con le parole si può, se non forse si deve, edificare, giocare, inventare, portare alla luce un universo di sfaccettature policrome, scoprire, accedere a nuove forme di verità, nel nostro mondo sempre più precario e che però può, se non addirittura deve, trarre dall’alterità la chiave per farsi migliore: riunendo brevi, dotti, istruttivi e sapidissimi testi pubblicati con cadenza ebdomadaria sul Mattino di Napoli, per una rubrica di enigmistica, tra rebus, lucchetti, sciarade, incroci obbligati, parole crociate, anagrammi, indovinelli, monoverbi, bizeppe, scarti e chi più ne ha più, come si suol dire, ne metta, il testo di Aragona, raffinato sin dall’edizione, fornisce al lettore gli strumenti per accorgersi di quanta bellezza inattesa e limpida sia pieno il reale. Da non perdere, per tutti gli appassionati e non solo.

Standard