Libri

“Domingo il favoloso”

0x300.pngdi Gabriele Ottaviani

L’uomo dal camice nero sollevò disgustato lo sguardo dalla pagina…

Domingo il favoloso, Giovanni Arpino, Minimum fax, postfazione di Darwin Pastorin. Torino, città mistica e misteriosa, bella e altera, vivace e sobria, è la protagonista di quest’opera di una delle più abili e sottovalutate penne della tradizione letteraria italiana, nella quale si inserisce come voce fuori dal coro, non dissonante ma parodica: è questo il secondo, riuscitissimo, episodio della trilogia del fantastico di Arpino, che, come Calvino, Savinio, Malerba, Flaiano e molti altri, celebra, ma con innata originalità, l’incanto nel disincanto, raccontando di un personaggio indimenticabile, scaleno, sbilenco, irregolare sin nei tratti somatici e caratteriali, disposto a difendere a ogni costo la sua unicità dall’omologazione. Imprescindibile.

Standard