Libri

“Compiti a casa”

51iLqAkFSkL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

I ragazzi devono trovare il loro spazio e il loro tempo per lo studio, e soprattutto bisogna lasciarli sbagliare…

Sono tanti, sono pochi, sono troppi, sono utili, non servono a nulla se non a far sì che i docenti si tolgano il peso di una parte di programma, specie quando vengono assegnati durante le vacanze, per non perdere l’allenamento allo studio che tanto si perde comunque, a meno che non si voglia, indipendentemente dalla scuola, coltivarlo, fanno sprecare tempo nei pomeriggi che quindi non possono essere dedicati ad altro, anche se in effetti si svolgerebbero in un attimo se si stesse attenti in classe: sono i Compiti a casa – Perché, quali e come, quanti e quando, l’argomento del testo di Raffaele Mantegazza, pedagogista di chiara fama, edito da Fefè e accompagnato dalla prefazione di Daniele Novara. Interessante, semplice, fruibile, divulgativo, fa riflettere: da leggere.

Standard
Libri

“Compiti a casa”

51hKdO6FTlL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

I doni di Dio. Mentre ascoltava con un orecchio il flusso della voce morbida del pastore, Mac rifletté sui doni nella sua vita. Tony.

Compiti a casa, Kaje Harper, Triskell, traduzione di Cristina Bruni. Mac e Tony ormai sono usciti allo scoperto. Sono una coppia. Hanno due figli. Vogliono continuare a stare insieme, perché si amano, anche in maniera piuttosto passionale e appassionata, e perché desiderano edificare un solido futuro. Ma i problemi, come in tutte le quotidianità che si rispettino, a prescindere che siano vissute da uomini o donne omo o eterosessuali, non mancano: soprattutto quando sembra che davvero ogni cosa sia contro di loro, sia nella sfera lavorativa che in quella domestica. Però… Intenso, brillante, leggibilissimo.

Standard