Libri

“Breviario dei vinti”

81WFXfAs6LL._AC_UL436_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Di solito, ci crediamo tutti pieni di vita…

Breviario dei vinti, Emil Cioran, Voland. Traduzione di Cristina Fantechi. Cura e postfazione di Roberto Scagno. Filosofo, saggista e aforista rumeno – ma muore in Francia, sua terra d’elezione – fra i più importanti del cosiddetto secolo breve, profondamente segnato dalla lezione di Schopenhauer e prima ancora da quella di Kant, Cioran ha scavato un solco di indubbia rilevanza nella storia del pensiero: questo testo, scritto nella sua lingua madre in pieno tempo di guerra, fra il millenovecentoquarantuno e il millenovecentoquarantaquattro (ci vorranno però sei lustri perché finalmente veda la luce), ne è conferma e summa, collage di dissertazioni sul tema sempre attuale, oggi più che mai, dell’identità.

Standard
Libri

“L’insonnia dello spirito”

41BvEQSLnYL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

La Francia non ha niente da op­porre alla forza, all’infuori del paradosso. È a ciò cui fa appello in tutti i suoi fallimenti di politica estera e interna. La tua insolita domanda, se i francesi siano sempre al potere, probabilmente prima di quanto si possa immaginare diverrà una certezza. La Francia è un tutto che tende a diventare un nulla, la Roma­nia un nulla che tende… Ma, ahimè! Dimentico che Pitpalac ne ha tracciato un corso funesto e ridicolo.

L’insonnia dello spirito – Lettere a Petre Ţuţea (1936 – 1941), Emil Cioran, Mimesis, a cura di Antonio Di Gennaro, traduzione di Ionuţ Marius Chelariu. Filosofo, saggista e aforista vissuto fra il millenovecentoundici e il millenovecentonovantacinque, anno in cui è morto, da apolide come dalla seconda guerra mondiale in avanti, in Francia, a Parigi, a migliaia di chilometri dalla Romania natia, esistenzialista amarissimo, lontano dall’impegno sul fronte politico progressista, ironico, misantropo, nichilista, pessimista, influenzato da Leopardi, Ionesco, Nietzsche, Heidegger e Schopenhauer, prosatore mirabile cui il ristoro del dormire è perennemente vietato, tanto da condurlo sull’orlo del suicidio, che vede la nascita come un’irrimediabile sciagura e la vita come un peso tollerabile solo proprio perché all’uomo resta comunque la possibilità in qualsiasi momento di togliersi la vita da sé: tutto questo e molto altro è, è stato e sarà Emil Cioran, di cui gran parte della preziosa Weltanschauung emerge anche attraverso questo assai curato e avvincente epistolario. Da leggere.

Standard