Libri

“Lo scacchiere dell’odio”

di Gabriele Ottaviani

Si sentiva diversa. Era diversa. Un’estranea…

Lo scacchiere dell’odio – Giochi di piccole menti che si credevano grandi, Frankie Castiglione, Sabrina Calabrese, Infinaindiana. Finalista all’edizione di quest’anno del premio letterario nazionale Bukowski quest’opera di grande solidità, fruibile e fresca, intensa e puntuale, corale e ben costruita, confezionata e amalgamata, tratteggia con bravura la figura di Nausicaa, una giovane che avverte fra sé e il contesto che la circonda come una sorta di diaframma, come se qualcosa a cui non sa dare un vero e proprio nome né delle fattezze ben definite le impedisse di immergersi pienamente nella realtà della sua vita e nelle relazioni affettive e professionali: emerge pertanto un ritratto molto interessante della contemporaneità, fragile, contraddittoria, complessa. Da leggere

Standard
Libri

“Pasolini e la musica, la musica e Pasolini”

Clio-Claudia-Calabrese-Pasolini-e-la-musica-la-musica-e-Pasolini-Correspondancesdi Gabriele Ottaviani

Nelle canzoni di Pasolini per Laura Betti confluisce la Roma delle borgate…

Pasolini e la musica, la musica e Pasolini – Correspondances, Claudia Calabrese, Diastema. Scrittore, poeta, cineasta, intellettuale amato da molti e detestato da altrettanti, Pier Paolo Pasolini dà la possibilità di ricercare moltissimi livelli di lettura e chiavi d’interpretazione nella densità della tessitura della sua molteplice produzione artistica: uno dei linguaggi più interessanti è certamente quello, sinestetico, della dimensione musicale. Claudia Calabrese, studiosa attenta e preparata dalla spiccata indole divulgativa, tratteggia un ritratto approfondito, dando alle stampe un vero e proprio cammino sonoro, un percorso dotto e sorprendente, ben contestualizzato e incredibilmente attuale, che istruisce e induce alla riflessione. Da leggere.

Standard